Aids, tubercolosi e malaria: contro i tre "nemici", 475 milioni dall'Ue

19 settembre 2016 ore 21:39, Adriano Scianca
Aids, tubercolosi e malaria. Sono questi i tre “nemici” contro cui il governo italiano ha stanziato 140 milioni di euro. Ne beneficerà il Fondo globale che combatte le tre malattie. Una cifra superiore di 10 milioni a quanto annunciato lo scorso luglio a Roma e del 30% superiore a quanto stanziato nel triennio precedente. L'atto ufficiale è avvenuto ieri a Montreal, in Canada, dove si è tenuta la quinta conferenza di rifinanziamento del Fondo per il triennio 2017-2019.

Aids, tubercolosi e malaria: contro i tre 'nemici', 475 milioni dall'Ue
In totale, i donatori del Fondo si sono impegnati per quasi 13 miliardi di dollari. Presente a Montreal, il ministro degli Affari Esteri italiano Paolo Gentiloni ha elogiato il Fondo per l'impatto che ha avuto nel salvare oltre 20 milioni di vite, per il forte coinvolgimento delle comunità e per la leadership dei paesi africani nelle proprie operazioni. 

Per quanto riguarda l'Ue, invece, i milioni stanziati sono 475. Il commissario Ue per lo sviluppo, Neven Mimica, ha sottolineato come “l'Ue e i suoi Stati membri costituiscono il fondatore più generoso del fondo”. Secondo le cifre in possesso della Commissione europea, dal 2002 il numero delle persone morte nel mondo per le tre malattie è diminuito di un terzo con un dimezzamento netto dei decessi da Aids nei Paesi in cui il fondo ha investito. Il Fondo globale per la lotta all'Aids, la tubercolosi e la malaria è un'organizzazione non governativa che fornisce sovvenzioni per sostenere interventi costo-efficaci e tecnicamente validi per la prevenzione delle infezioni e per fornire cure, assistenza e sostegno per le persone affette da Hiv, Aids, tubercolosi e malaria. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]