Festa di S.Pio con la band di 4 lesbiche, a Rossano "offesa la morale cattolica"

02 agosto 2016 ore 9:24, Lucia Bigozzi
Niente concerto durante le celebrazioni per San Pio. Accade in Calabria a Rossano ed è subito un caso. Il caso riguarda una band rock tutta al femminile – di nome e di fatto – “Le Rivoltelle” che si è vista negare la performance sul palco dagli organizzatori delle iniziative in onore del Santo di Pietrelcina. Perché? Gli organizzatori hanno motivato così, secondo quanto riporta il quotidiano La Repubblica: “Sono quattro lesbiche e questa è una festa religiosa, quindi la loro esibizione sarebbe un'offesa alla morale cattolica di ogni singolo cristiano facente parte di questa comunità”. Il concerto de “Le Rivoltelle” era previsto per il 20 agosto ma vista la situazione, è saltato. Insomma, la ragione starebbe tutta nella presunta omosessualità delle componenti la band considerata in un certo senso non consona e “immorale” da alcuni esponenti del Comitato per le feste parrocchiali di Rossano che hanno voce in capitolo nelle decisioni per i festeggiamenti e gli spettacoli nella cittadina calabrese. Il concerto era già stato concordato, mancava giusto l’ultima firma nel contratto, ma all’improvviso tutto è sfumato. 

Festa di S.Pio con la band di 4 lesbiche, a Rossano 'offesa la morale cattolica'
Le ragazze non ci stanno e manifestano senza riserve la loro irritazione: “La nostra rabbia è stata tale da non poter tacere. Quello che è successo è frutto di un pregiudizio sessista che non potevamo non denunciare”, protesta Elena Palermo, voce e leader del gruppo
secondo la quale “quello che rende tutto più assurdo e doloroso è che la decisione di escluderci si basa solo sul pregiudizio. Magari pensano che siamo lesbiche solo perché alcune di noi portano i capelli corti o perché siamo una band rock tutta al femminile. Le nostre preferenze sessuali non sono mai state né una bandiera, né una cosa da nascondere, ma solo una cosa che non è importante. Importa quello che diciamo dal palco, come lo diciamo, i temi che affrontiamo. Non quello che ognuna di noi fa in camera da letto”. La band rock è attiva da più di sete anni e per le ragazze che la compongono è una professione, non un passatempo, al punto che “Le Rivoltelle” sono divenute una delle più riconosciute voci critiche del panorama musicale calabrese. Polemica chiusa per il concerto annullato? Pare di capire che non sarà così. 

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]