Sanità, arrivano (dopo 20 anni) i nuovi Lea. Lorenzin: "Nuova stagione"

02 agosto 2016 ore 13:48, Adriano Scianca
Il ministero dell'Economia ha dato il via libera ai nuovi Lea (livelli essenziali di assistenza), al piano vaccini e al nomenclatore delle protesi. Ora il Dpcm, sottoposto alla Conferenza delle Regioni, andrà poi alle commissioni parlamentari competenti e quindi recepito in Gazzetta Ufficiale. “I Lea sono in Conferenza ma penso sia solo una questione di giorni e a settembre avremo i nuovi Livelli, il nuovo nomenclatore per le protesi audiovisive e il piano nazionale vaccini. Si tratta nell’insieme del fulcro del Patto per la salute, perché ci permette di dare nuove terapie, trattamenti e strumenti ai pazienti italiani in modo omogeneo sul territorio nazionale dopo, in alcuni casi, quasi vent’anni. È veramente un provvedimento importantissimo che apre una nuova stagione”, ha commentato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin

Ecco quali sono le nuove prestazioni che dovranno essere garantite su tutto il territorio italiano secondo quanto previsto dal Dpcm: diagnosi precoce, cura e trattamento individualizzato dell'autismo, integrazione nella vita sociale e sostegno per le famiglie; un nuovo codice sulle malattie rare che dà diritto all'esenzione dalla partecipazione alla spesa a 110 patologie precedentemente escluse dalla lista, tra cui miastenia grave e sclerosi sistemica progressiva; elenco rivisto delle malattie croniche e invalidanti, con l'introduzione di 6 patologie esenti da ticket, tra cui Broncopneumopatia ostruttiva, sindrome da talidomide, rene policistico ed endometriosi. Solo per quest'ultima si stimano circa 300mila esenzioni. La celiachia passa invece dall'elenco delle malattie rare a quelle croniche; nuovo Piano Vaccinale che introduce nuovi vaccini, come l'anti Pneumococco, l'anti Meningococco e l'anti Varicella, ed estende quello per il Papillomavirus anche agli adolescenti maschi; screening alla nascita per individuare con anticipo eventuale sordità e cataratta congenita così come una quarantina di malattie metaboliche ereditarie. 

Il ministro è intervenuto anche sul tema dell’alimentazione in età infantile ed evolutiva: “È molto importante che i bambini vengano nutriti in modo corretto. Anche qui bisogna seguire la scienza, l'evidenza scientifica e non altro perché bambini malnutriti o denutriti hanno poi dei problemi enormi nella crescita, rachitismo e altri scompensi. E purtroppo ci sono moltissimi casi. Come ministero - ha ricordato Lorenzin - abbiamo delle linee guida sulla nutrizione del bambino cui devono attenersi anche gli istituti scolastici. I bambini hanno bisogno di un'alimentazione bilanciata tenendo conto delle proteine animali e vegetali, dell'apporto nutritivo necessario, carboidrati zuccheri, frutta e quant’altro. Su questo fronte, come sui vaccini, le famiglie vanno ben informate”.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]