I Tg Rai di Renzi: via la Berlinguer per Mazzá. Colucci sale

02 agosto 2016 ore 15:42, Lucia Bigozzi
A Viale Mazzini l’ora X scatta alle 9,30 ma è come se fosse "mezzogiorno di fuoco". Perché sul tavolo del Cda Rai, domani, c’è il piano per l’informazione dell’era Campo Dall’Orto con annesso giro di valzer dei direttori dei tg. In sostanza: ‘rivoluzione’ annunciata per Tg2, Tg3 e Rai Digital. Così domani il direttore generale Campo Dall’Orto, d’intesa con la presidente Rai Monica Maggioni, porterà davanti al Cda i nomi dei potenziali nuovi direttori. In queste ore, il tam tam corre sui social e dentro i corridoi della Rai con gli interrogativi, le congetture e le ipotesi del caso. In procinto di traslocare, ci sono Marcello Masi, finora al timone del Tg2 e Bianca Berlinguer sulla tolda di comando del Tg3. 
Intanto in giornata i rumors segnalano la lista coi nomi indicati che il dg Campo Dall'Orto avrebbe inviato ai componenti il Consiglio di amministrazione di Viale Mazzini; i rumors raccontano questo scenario: Mario Orfeo resta al Tg1, Ida Colucci al Tg2 e Luca Mazzà al posto di  Bianca Berlinguer. Resta invece alla Tgr Vincenzo Morgante, mentre per Rai Parlamento è stato proposto il nome di Nicoletta Manzione, attuale corrispondente da Berlino. Infine per Rai Digital, il nome tra i più accreditati è quello di Diego Antonelli, ex Ansa. Al pacchetto nomine-direttori-tg forse dovrebbe aggiungersi anche il capitolo sui nuovi incarichi individuati dalla Rai per Bianca Berlinguer e  Marcello Masi

Ma in attesa di domani, è sul Tg3 che il dibattito politico si accende e a difendere la Berlinguer è addirittura Renato Brunetta. La giornalista-direttore del Tg di Rai3 non avrebbe ancora raggiunto un accordo per la conduzione di una fascia di informazioni che precede il tg delle 19, e sul suo conto letto dentro il contesto del nuovo piano interviene il forzista Renato Brunetta che dice: “Dopo le nuove nomine alle direzioni dei tg Rai, Renzi assumerà il controllo totale della Tv pubblica silenziando forse l’unica voce critica rimasta, Bianca Berlinguer al Tg3, dopo la cacciata di Massimo Giannini da Ballarò e di Nicola Porro, conduttore di Virus”. 

I Tg Rai di Renzi: via la Berlinguer per Mazzá. Colucci sale
Maldipancia anche nel Pd, ovviamente non renziano
, dove il leader di Sinistra-Dem Gianni Cuperlo afferma: “Meglio riflettere prima di procedere alla sostituzione di una professionista come Bianca Berlinguer per compiacere il governo”. Dalle file del Movimento 5Stelle, Roberto Fico presidente della Commissione Vigilanza Rai avverte: “Il cda della Rai si appresta ad esaminare il piano editoriale per l’informazione. Chiediamo che i vertici illustrino il progetto al Parlamento e ai cittadini, considerata la competenza che la commissione ha in materia di offerta informativa. Non vorremmo che l’accelerazione si fosse resa necessaria per giustificare le nomine alla guida dei tg”. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]