Erdogan dal figlio indagato alle istituzioni europee: “Pensate alla Mafia”

02 agosto 2016 ore 15:04, intelligo
di Valeria Marcattili

Fallito il golpe militare non si spengono i riflettori sulla Turchia. Dopo le cosiddette epurazioni in patria tocca alle polemiche nei confronti dell’Europa. Nei giorni scorsi il presidente turco aveva ammonito la Germania ed in particolare la Corte costituzionale tedesca che aveva proibito la diffusione di un video governativo durante la manifestazione nella città di Colonia. Ora è il turno dell’Italia. E sono parole dure quelle rilasciate dal sultano turco ai microfoni di Rai News 24. Dalla magistratura italiana alle istituzioni europee, passando per l’Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini: ne ha per tutti il presidente, che tira in ballo non solo il Parlamento e ma anche la mafia italiana parlando delle accuse di riciclaggio di denaro nei confronti del figlio. Ecco alcuni stralci dell’intervista. “Se viene bombardato il Parlamento italiano che cosa succede? La Mogherini, che è italiana, come reagisce? Dice che hanno fatto bene, che è preoccupata dai processi che ne deriverebbero? Ora vi chiedo una cosa: l'Occidente è dalla parte della democrazia o del golpe”, ha dichiarato Ergoan. Ma le accuse continuano: “le autorità italiane dovrebbero «occuparsi della mafia, non di mio figlio”.
Erdogan dal figlio indagato alle istituzioni europee: “Pensate alla Mafia”

L’attacco alla Magistratura italiana 
Erdogan attacca la giustizia italiana. Il figlio Bilal, dottorando nell’università John Hopkins University di Bologna infatti è accusato di riciclaggio di denaro e lo scorso marzo ha lasciato l’Italia per imprecisati motivi di sicurezza. “Mio figlio dovrebbe tornate a Bologna per terminare il dottorato. In quella città mi chiamano dittatore e fanno cortei per il partito curdo dei separatisti. Perché non intervengono? È questo lo stato di diritto? ”: tuona il presidente. Che continua: “Questa vicenda potrebbe perfino mettere in difficoltà le nostre relazioni con l'Italia. Mio figlio è un uomo brillante che viene accusato di riciclaggio di denaro. Che si occupino della mafia in Italia, non di mio figlio”. 

L’Attacco all’Unione Europea e Federica Mogherini 
Tutto nasce dall’accusa della mancata presa di posizione delle istituzioni europee la sera del fallito colpo di Stato. “In Turchia c'è stato un golpe contro la democrazia che ha fatto 238 martiri e nessuno è venuto qui” ha detto il presidente turco ed ha aggiunto: “la Mogherini prima di tutto sarebbe dovuta venire in Turchia… quando a Parigi c'è un evento del genere tutti si riversano lì, si chiedono cosa sia successo, chi sia stato. Finora purtroppo non è venuto nessuno in visita, né dell'Unione europea né del Consiglio europeo” 

Le conseguenze 
Se l'Ue non concederà la liberalizzazione dei visti per i cittadini turchi diretti nella Ue, Ankara non rispetterà più l'accordo di marzo sui migranti”: ha poi ribadito il presidente Recep Tayyip Erdogan confermando le parole già pronunciate del ministro degli Esteri, Mevlut Cavusgolu, che aveva rilasciato queste affermazioni nel corso di una intervista alla Faz tedesca.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]