La marina militare Usa è made in Italy: tanti ordini per Fincantieri

02 aprile 2016 ore 15:53, Andrea Barcariol
Gli Stati Uniti premono per un'Italia con "un ruolo di guida" in Libia in un intervento militare ma nel frattempo fanno "shopping di lusso" da noi. Nell'ambito del programma Littoral Combat Ship della US Navy, il consorzio di cui fanno parte Fincantieri, tramite la sua controllata Fincantieri Marinette Marine (FMM) e Lockheed Martin Corporation, si è aggiudicato, a seguito dell'esercizio dell'opzione da parte della US Navy, il contratto per la costruzione di una LCS della classe "Freedom", interamente finanziata, la cui consegna è prevista per il 2020. Il contratto prevede il finanziamento per la costruzione della piattaforma, per l'integrazione dei sistemi e per le fasi di collaudo. LCS 25 sarà dunque l'undicesima unità della classe "Freedom" ordinata nell'ambito del piano originale del 2010, in aggiunta alle due unità LCS consegnate prima del 2010. Le altre 10 navi, già consegnate o in produzione, sono: "Milwaukee" (LCS 5), "Detroit" (LCS 7), "Little Rock" (LCS 9), "Sioux City" (LCS 11), "Wichita" (LCS 13), "Billings" (LCS 15), "Indianapolis" (LCS 17), "St. Louis" (LCS 19), "Minneapolis/St. Paul" (LCS 21) e "Copperstown" (LCS 23). Il programma LCS è stato assegnato nel 2010 a FMM, nell'ambito della partnership tra Fincantieri e Lockheed Martin, leader mondiale nel settore della difesa. La Us Navy, dunque punta su su Fincantieri per le navi di ultima generazione.

La marina militare Usa è made in Italy: tanti ordini per Fincantieri
"Le unità Lcs classe Freedom sono unità multiruolo di medie dimensioni progettate per attività di sorveglianza e difesa costiera, per operazioni in acque profonde e per diversi tipi di missioni nell'ambito della difesa da minacce di tipo asimmetrico (mine, sottomarini e unità di superficie veloci). Secondo stime degli analisti di mercato ogni unità Freedom costa circa 400 milioni di dollari.
Un periodo positivo per il colosso italiano che ha stretto anche un importantissimo contratto con la Carnival
, la più grande compagnia crocieristica al mondo, per un valore complessivo di oltre 3 miliardi di euro per la costruzione di 5 navi passeggeri, dando seguito all’accordo di marzo 2015 e al memorandum dello scorso dicembre, rispetto al quale prevedono un’ulteriore unità. L’annuncio è stato dato a bordo della Koningsdam, nuova nave della flotta della Holland America Line, consegnata alla società armatrice il 31 marzo e presentata oggi nello stabilimento Fincantieri di Marghera.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]