Che fine ha fatto il batterista degli AC/DC Phil Rudd? Nuovo album e problemi giudiziari

02 dicembre 2014 ore 10:48, intelligo
Che fine ha fatto il batterista degli AC/DC Phil Rudd? Nuovo album e problemi giudiziari
di Marco Di Eugenio
Che fine ha fatto Phil Rudd? Da qualche giorno non si hanno più notizie sul conto del batterista degli AC/DC, rock band australiana tra le più famose al mondo. Da qualche giorno non si hanno più notizie sul suo conto e ci sono motivi per esserne preoccupati. Rudd, infatti, avrebbe dovuto presentarsi sul set per partecipare alle riprese di «Play Ball», singolo tratto dal nuovo album degli AC/DC “Rock or Burst”. “Non lo abbiamo più visto né sentito dopo il 6 novembre. È come se non fosse più la stessa persona che conoscevamo”, ha dichiarato il chitarrista Angus Young. “Anche fisicamente, negli ultimi tempi non si può dire che avesse un bell’aspetto”. Oltre alla salute, anche la giustizia  avrebbe chiesto il conto: il 60enne batterista è stato arrestato qualche settimana fa a Tauranga (Nuova Zelanda). Su di lui pendono la accuse di possesso di cannabis e metamfetamine e di aver tentato di assoldare un killer per uccidere due persone. In tribunale, nonostante quella più grave (quella di aver ingaggiato un sicario) sia decaduta per insufficienza di prove, le condizioni di Rudd hanno lasciato poco spazio all’ottimismo. Il rocker si è presentato in tribunale con 45 minuti di ritardo, giusto in tempo per evitare il mandato di arresto che il giudice aveva già emesso per poi annullarlo al suo arrivo, con un aspetto a dir poco confuso e trasandato. A un certo punto dell’udienza, ha addirittura mimato di suonare la batteria. Non pago, all’uscita ha mostrato il dito medio ai media presenti e ha quasi causato un incidente stradale facendo un’inversione di marcia mentre sopraggiungeva un camion. Non è la prima volta che il batterista è alle prese con problemi legati alla dipendenza: già nel 1983, dopo otto anni in pedana, era stato allontanato dal gruppo. Dopo un periodo in Nuova Zelanda, dove aveva abbandonato momentaneamente la musica per pilotare elicotteri, aveva riallacciato i rapporti con gli ex compagni nel 1991 per poi rientrare a tutti gli effetti nel gruppo nel 1994, alla vigilia di “Ballbreaker”, album uscito nel settembre del 1995. Il 2 dicembre, lo stesso giorno in cui uscirà il nuovo album degli AC/DC, Rudd (al momento fuori per cauzione) dovrebbe nuovamente presentarsi in tribunale. L’ennesimo successo della band coinciderà con la sua “autostrada per l’inferno”?
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]