Aids, gay e prevenzione: da circolo Mario Mieli una canzone e iniziative

02 dicembre 2016 ore 12:35, Americo Mascarucci
L’Aisds continua a colpire e a mietere vittime.
Nel 2015 in Italia, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, ci sono stati 3.444 nuovi casi di Aids e, nonostante i numeri siano in costante calo (erano stati 3850 nel 2014), c’è ancora molto da fare sia per la ricerca sia per l’informazione che per l’accesso alle cure. 
In Italia, nel corso del 2015 risultano, ancora, circa 3.500 le persone che hanno contratto il virus Hiv e, addirittura, oltre il 50% dei casi di Aids segnalati nel 2015 era costituito da persone che non sapevano di essere Hiv-positive. Questo dato, se pure in diminuzione, è tuttavia ancora preoccupante.
La causa primaria di infezione resta il rapporto sessuale non protetto che riguarda soprattutto i giovani ma anche le persone omosessuali.
Consapevole di essere a rischio, nel mondo Lgbt è molto alta l’attenzione soprattutto sul campo della prevenzione.
Aids, gay e prevenzione: da circolo Mario Mieli una canzone e iniziative
Particolarmente attivo in questo ambito il Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli che, in occasione della Giornata mondiale della lotta contro l’Aids come ogni anno ha prodotto una canzone per sensibilizzare sulla lotta all'Hiv/Aids. Quest'anno la scelta è caduta su True Colors di Cyndi Lauper. 

"Negli ultimi anni nel nostro Paese - riferisce il Circolo Mario Mieli in una nota - abbiamo registrato un aumento dei contagi per via sessuale e una preoccupante tendenza a una diagnosi tardiva delle infezioni, soprattutto nelle giovani generazioni. Il Circolo Mario Mieli è da sempre in prima linea per quanto riguarda l’informazione e la prevenzione  di tutte le Infezioni Sessualmente Trasmissibili e attraverso le proprie iniziative,  per la popolazione omosessuale e transessuale, diffonde informazioni sulle pratiche di sesso sicuro e promuove l’uso del preservativo come mezzo di prevenzione. Per far fronte a questa nuova emergenza è necessario che al lavoro delle Associazioni si affianchi un deciso e chiaro intervento delle Istituzioni che devono assumersi la responsabilità verso i propri cittadini con campagne di informazione e sensibilizzazione".
"Per ottenere questi risultati  - prosegue la nota- è necessaria una programmazione globale che tenga conto delle difficoltà dei paesi più poveri e di quelli nei quali ostacoli di ordine religioso e moralistico costituiscono una barriera  a volte insormontabile.Molto spesso le persone Hiv+ subiscono discriminazioni in ogni settore della vita e in molti paesi si vedono negati i diritti di cittadinanza.
Dal 1981 l’Aids ha ucciso circa 30 milioni di persone, diventando una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi e le stime danno attualmente un numero di circa 37 milioni di persone che vivono con l’Hiv.
In occasione della XXVII Giornata Internazionale della Lotta contro l’Aids il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli organizza e partecipa a iniziative, eventi di informazione, confronto e sensibilizzazione su Hiv e sulle altre infezioni a trasmissione sessuale".




caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]