Animali, proposta ciotole per strada. Cirinnà: "Acqua anche sui davanzali. Altre regole contro l'afa"

02 luglio 2014 ore 12:14, Orietta Giorgio
Animali, proposta ciotole per strada. Cirinnà: 'Acqua anche sui davanzali. Altre regole contro l'afa'
Con l’arrivo dell’estate si moltiplicano i problemi e i disagi per gli animali, la loro tutela diventa un dovere? L'invito da parte di alcune associazioni animaliste è quello di collocare una ciotola d’acqua fresca fuori dalla porta di casa o del negozio in modo che cani e gatti randagi di passaggio possano dissetarsi. IntelligoNews ha chiesto un parere alla senatrice del Pd, e attivista per i diritti degli animali, Monica Cirinnà. Ciotole di acqua in strada per cani e gatti randagi, a Roma è una realtà? Cosa ne pensa?  «Per lunghissimi anni l’Ufficio per i Diritti degli Animali è stato un punto di riferimento per i cittadini, fino a che io ero la delegata del sindaco per i diritti degli animali. Il 21 di giugno veniva pubblicato un decalogo di regole da seguire in città per tutelare gli animali dal caldo, era un decalogo che si rivolgeva sia agli animali liberi che agli animali di proprietà. Credo che questo non venga fatto ormai da molto tempo né con la giunta Alemanno né purtroppo con l’attuale giunta Marino. Questi appelli vanno comunque reiterati proprio perché non tutti i cittadini sono preparati ad affrontare i periodi di grande afa, e non sanno come fare per aiutare i propri animali». E' una pratica da proporre a Marino o ha altre cose alle quali pensare? «Io non propongo più niente al sindaco e all'assessora Marino, dopo aver proposto tante cose che sono state disattese, se avranno la sensibilità di capirlo bene, altrimenti ci si affida ai mass media e si spera che i cittadini siano sensibili. L’acqua si mette fuori dai negozi per far bere i cani e i gatti di passaggio, ed è ancora più importante metterla sui davanzali, vi accorgerete che tutte le mattine qualche passerotto o qualche altro uccellino si bagnerà nella ciotoletta che voi avete messo. Il problema è non lasciare i cani nelle macchine che per fortuna è vietato dal regolamento, il problema è controllare l’ora di blocco dei cavalli che girano a Roma a 40° sull’asfalto perché nessuno li controlla, il problema è far sì che il vostro cane, o gatto, se chiusi in casa per tanto ore abbiano un riscontro d’aria mettendo due finestre che agevolino la corrente e fare in modo che entri aria. Ricordatevi che i cani e i gatti non sudano come noi, traspirano soltanto dalla lingua, quindi bisogna mettere loro a disposizione acqua fresca nella loro ciotola cambiandola più volte al giorno». Non crede che la consuetudine si mettere ciotole d'acqua per i randagi sia in qualche modo giustificare e incoraggiare il randagismo? «Che c'entra il randagismo con il caldo e con l'acquaIl punto è capire che il randagismo si combatte alla fonte in un unico modo, sterilizzando cani e gatti, maschi e femmine, evitando che ci siano le cucciolate indesiderate, perché quando lei ha riempito le famiglie di tutti i suoi amici di cagnolini e di gattini non saprà più dove metterli e li lascerà per strada».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]