Celebrate Pride su Fb: parte il tormentone web sulle foto arcobaleno

02 luglio 2015, Andrea Barcariol
Celebrate Pride su Fb: parte il tormentone web sulle foto arcobaleno
Molti sono rimasti colpiti dal fatto che il più famoso social network del mondo si schierasse così apertamente dalla parte dei gay. In 26 milioni, infatti, hanno deciso di utilizzare l'applicazione fornita da facebook per colorare di arcobaleno la foto del proprio profilo, in coincidenza con la sentenza della Corte Suprema Usa che ha stabilito la dignità costituzionale del matrimonio omosessuale, dunque il suo riconoscimento in tutti gli Stati dell'Unione.

A distanza di pochi giorni, però, si sta prepotentemente diffondendo l'ipotesi che si trattasse di un altro esperimento sulla diffusione delle emozioni e sul contaggio sociale. Una sorta di teoria della spirale del silenzio al contrario, vedere quante persone, sotto il sostegno di un potente social network, si sentono libere di esprimere la propria posizione su un argomento da sempre controverso e al centro delle polemiche.

Il magazine The Atlantic
, ad esempio, si è domandato se l'operation Celebrate Pride "non sia una nuova occasione per capire sempre meglio come gli utenti di facebook utilizzino la piattaforma", ma un
portavoce di Facebook ha provato a rassicurare gli iscritti: l’arcobaleno sarebbe nato nel corso di hackaton (una gara di programmazione) interno all’azienda, e sarebbe piaciuto tanto da decidere di proporlo a un pubblico più vasto, senza secondi fini. Che sia vero o no difficile credere che i dati emersi non vengano accuratamente analizzati. 

E per manifestare il proprio dissenso il web è sceso in campo. C'è chi ha scelto di inserire l'arcobaleno sopra ogni foto, anche le più improbabili, e c'è il tricolore della Federazione russa che cancella i colori del movimento LGBT.
Colpa di Oleg Chulakov, che si è messo a sovrapporre i colori della bandiera russa su tutti i volti e i le foto su Fb.

Le immagini sui vari social network le accompagna con l'hashtag #proudtobestraight.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]