Cloud è sempre più "Made in Italy": +25% nel 2015

02 luglio 2015, intelligo
Al di là di ogni più rosea aspettativa. 

Cloud è sempre più 'Made in Italy': +25% nel 2015
I numeri, del resto, parlano da soli: quel +25% non lascia spazio a dubbi sulla penetrazione di Cloud nello Stivale. 

Cresce vertiginosamente nell'anno in corso il mercato Cloud in Italia e si stima che sia destinato a raggiungere un valore pari a 1,51 miliardi di euro.

Contribuiscono a questa stima soprattutto gli investimenti dedicati alla Cloud Enabling Infrastructure, ovvero quelli impiegati per aggiornare il patrimonio infrastrutturale e applicativo già esistente in azienda, che valgono in Italia oltre un miliardo di euro e crescono del 21%, e quelli dedicati al Public Cloud, stimabili in 460 milioni di euro, in crescita del 35% anno su anno. 

È quanto emerge dalla fotografia scattata dall'Osservatorio Cloud & Ict as a Service, giunto alla quinta edizione e promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano.
L'edizione 2015 dello studio è stata realizzata con il supporto di Alcatel-Lucent Enterprise, AlmavivA, Aruba Cloud, Cisco, CloudItalia, Dimension Data, HP, IBM, NetApp, Openwork, Passepartout, Retelit, Telecom Italia, VMware, Vodafone Italia; Fastweb, Netalia; Telecom Italia Digital Solutions. 

In Italia sono 27 le start up operanti in ambito Cloud & Ict as a Service che hanno ottenuto finanziamenti da parte di Business Angel, Venture Capitalist e società di investimento negli ultimi 3 anni. La maggior parte delle imprese ha sede nel Nord Italia (41%) seguono il Sud e le Isole (32%) e il Centro (27%).
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]