Dopo Pino Daniele, incendio nella casa natale di Al Bano

02 maggio 2016 ore 11:19, Lucia Bigozzi
Dopo l’attico e il superattico di Pino Daniele a Roma, le cronache tornano ad occuparsi di un nuovo incendio nella casa di un altro vip. Stavolta è toccato ad Albano Carrisi fare i conti con le fiamme che hanno investito il portone di ingresso di una casa nel centro storico di Cellino San Marco (paese natale della star, dove vive nella tenuta-azienda agricola di famiglia appena fuori l’abitato) di proprietà dell’artista. Si tratta di una casa singola e per Albano ha un valore del tutto particolare, essendo proprio l’edificio dove il cantante è nato. Un giallo al quale stanno cercando di dare soluzione i carabinieri che conducono le indagini e i vigili del fuoco che hanno fatto una serie di sopralluoghi. 

Dopo Pino Daniele, incendio nella casa natale di Al Bano
Ma per il momento, gli inquirenti sembrano non avere grandi dubbi sull’origine dell’incendio che da una prima verifica sembrerebbe di origine dolosa.
Gli indizi che portano a questa valutazione riguardano la dinamica dell’accaduto: le fiamme, sempre secondo una prima ricostruzione, sarebbero state appiccate al portone impregnando alcuni cartoni accatastati vicino all’ingresso dell’edificio, con del liquido infiammabile. Poi qualcuno, avrebbe fatto scoccare la scintilla. Fortunatamente non ci sono feriti, anche perché la casa di Albano non è abitata attualmente. I danni riscontrati riguardano solo il portone. Ma se l’ipotesi dell’incendio doloso sarà confermata da ulteriori accertamenti, la vicenda assumerebbe contorni preoccupanti. A diversi chilometri di distanza un episodio analogo è accaduto nell’attico e superattico di proprietà di Pino Daniele, a Roma, nel quartiere Prati, a un passo dal centro storico. Ma qui le cause sembrano riconducibili a problematiche di carattere tecnico. Fatto sta che le fiamme si sono levate dall’appartamento all’ultimo piano di uno stabile che a scopo precauzionale è stato fatto evacuare dai vigili del fuoco e i condomini sono potuti rientrare solo alcune ore dopo le operazioni di spegnimento delle fiamme. Non solo ma sono stati i pompieri e mettere in salvo il figlio di 10 anni dell’artista e la tata, che al momento dell’incendio si trovavano nell’abitazione. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]