Ai giovani piace effimero: sul social "veloce" Snapchat più video che su Facebook

02 maggio 2016 ore 18:27, Adriano Scianca
In rete tutto sembra effimero e passeggero. Ma, evidentemente, per le nuove generazioni persino la timeline di facebook o Twitter possono apparire troppo “definitive”. Si spiega così il segreto di Snapchat, il social network che fa dell'immediatezza il suo punto forte: i messaggi inviati agli amici scompaiono dopo una manciata di secondi, mentre i selfie, i video e le foto che si decide di mettere nella propria bacheca Snapchat restano online solo per 24 ore. Un meccanismo singolare, ma che sembra piacere. 

Ai giovani piace effimero: sul social 'veloce' Snapchat più video che su Facebook
Tant'è che in almeno un parametro c'è già stato il sorpasso su facebook: ad aprile gli  iscritti si Snapchat hanno guardato 10 miliardi di video ogni giorno. A febbraio erano stati 8 miliardi, a pari merito con facebook. Il quale, per ora, non ha replicato con dati aggiornati (C’è da rilevare comunque che le piattaforme conteggiano le visualizzazioni diversamente: Facebook da 3 secondi e Snapchat non appena il video parte). Sorpasso o meno, il social network del fantasmino va forte, soprattutto grazie ai millennials: più del 70 per cento dei suoi utenti ha meno di 35 anni e negli Stati Uniti il 60 per cento degli studenti delle scuole superiori ha un account. Ha fatto quindi bene il fondatore, Evan Spiegel, a rifiutare nel 2013 i 3 miliardi di dollari offerti da Mark Zuckerberg per rilevare il pericoloso concorrente e inserirlo nella scuderia della grande effe bianca. 

Si è trattato di un azzardo: chi rifiuterebbe 3 miliardi di dollari subito per scommettere su uno strumento che va ad inserirsi in un mercato saturo e in cui le novità vengono fagocitate alla velocità della luce? Ma è proprio sul fattore velocità che Spiegel ha scommesso. Genitori ed educatori non sono entusiasti: proprio per la sua caratterizzazione di social network “giovane”, Snapchat è di fatto un porto franco, un territorio libero dagli adulti, con tutto ciò che questo contempla in quanto a rischi e derive. Ma la rete, piaccia o non piaccia, è ormai anche questo.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]