Morbillo: rischi mortali peggiori del previsto, Italia in pericolo

02 novembre 2016 ore 11:21, Adriano Scianca
Mentre la quota di bambini vaccinati cala sempre di più, in seguito a leggende metropolitane sugli effetti collaterali più volte smentiti dai medici, una ricerca americana scopre che il morbillo è più pericoloso di quanto non si sapesse. Nel mirino le encefaliti croniche che si sviluppano anche 6-8 anni dopo l’infezione e hanno esiti mortali nel giro di 24-36 mesi dalla diagnosi. 

Morbillo: rischi mortali peggiori del previsto, Italia in pericolo

Ad aggiornare la letteratura scientifica è uno studio dell'Università della California (Ucla) che ha utilizzato i dati di una grande epidemia di morbillo avvenuta in California intorno al 1990. Precedentemente si riteneva che nella fascia di età sotto i 5 anni solo un bimbo su 1.700 contagiati da morbillo poteva contrarre Panencefalite subacuta sclerosante, un'encefalite progressiva cronica che si sviluppa 6-8 anni dopo l'infezione da morbillo e con esiti mortali nel giro di circa 24-36 mesi dalla diagnosi. La nuova ricerca ha trovato invece che il tasso è di uno su 1.387 contagiati sotto cinque anni e sale a 1 su 600 per i bambini sotto i 12 mesi. 

In Italia morbillo, rosolia e parotite sono ancora malattie endemiche e il calo delle coperture vaccinali non fa altro che far aumentare il numero di persone “suscettibili” all’infezione con il rischio di focolai anche estesi come gli anni passati (nel 2013 oltre 2200 casi). In due anni, dal 2013 al 2015, le coperture vaccinali per il morbillo sono scese dal 90,5% all’85,3%. Con il crollo delle vaccinazioni si stima siano a rischio di ammalarsi 670mila bambini di età compresa fra 2 e 9 anni, che corrisponde al 15,3% dei circa 4 milioni e 400mila nuovi nati dal 2008 al 2015. Oltre ai bambini piccoli, rimangono poi delle sacche “suscettibili” anche tra i bambini più grandi e nella popolazione più adulta, soprattutto adolescenti e giovani adulti.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]