Troppi energy drink spappolano il fegato: muratore Usa ko in ospedale

02 novembre 2016 ore 19:51, Lucia Bigozzi
Gli ‘ape’ sono in pericolo: stanno per essere soppiantati dagli energy drink… Tendenze a parte, il problema è serissimo e l’allarme arriva dalla Florida. I ricercatori hanno spiegato sulla rivista scientifica Bmj Case Reports il caso di un uomo ricoverato con epatite acuta dopo aver consumato 4-5 energy drink al giorno in un arco di tempo compreso in tre settimane. Più in dettaglio: si tratta di un muratore di cinquant'anni che ha manifestato anoressia e dolori addominali poi trasformati in una crisi di vomito e nausea. In un primo tempo, sono stati attribuiti per errore ai sintomi di un’influenza ma l’uomo è dovuto ricorrere all’ospedale perché nel frattempo aveva sviluppato una forma d’itterizia abbastanza diffusa sul corpo. A quel punto, è stata una biopsia al fegato a confermare che il vero problema per il muratore 50enne si chiamava epatite acuta. Secondo i medici, era stata generata da un eccesso di niacina o vitamina B3, il cui consumo giornaliero era di circa 200 milligrammi. I ricercatori che hanno condotto lo studio, hanno evidenziato che ogni lattina di un energy drink contiene 40 grammi di niacina che sarebbe il doppio della dose giornaliera raccomandata. Il muratore è stato tenuto sotto osservazione e gli specialisti hanno raccomandato di evitare bevande che contengono quella sostanza. 

Troppi energy drink spappolano il fegato: muratore Usa ko in ospedale
Ma c’è un altro dato che arriva dagli Usa e che fa riflettere: quasi il 50 per cento delle patologie al fegato sono collegati e in diversi casi determinati da supplementi alla dieta,
spesso in quelli che vengono chiamati “preparati naturali”. Gli autori dello studio, concludono sottolineando che “con il mercato degli energy drink in continua espansione, i consumatori dovrebbero essere coscienti dei potenziali rischi dei singoli ingredienti. Vitamine e altri nutrienti, come la niacina, sono presenti in quantità che eccedono le dosi raccomandate quotidiane, portando a rischi di accumulazione e tossicità”. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]