Tumore alla prostata? Lo diagnostica un nuovo test

02 ottobre 2015, intelligo
Tumore alla prostata? Lo diagnostica un nuovo test
E' la seconda forma di cancro più comune negli uomini, da oggi però contrastarlo sarà più facile. E' stato sviluppato, infatti, un nuovo test per individuare il tumore alla prostata nella sua fase iniziale e permettere così una cura più efficace della malattia. La nuova strategia è stata messa a punto da un team di ricercatori italiani, coordinati da Luca Prodi, docente al dipartimento di Chimica dell'università di Bologna ed è di grande importanza perché una diagnosi precoce aumenta drasticamente il successo della terapia diminuendo così il livello di mortalità tra i pazienti.

Un test per individuare il cancro alla prostata, basato sulla quantificazione dell’antigene prostatico specifico (Psa), già esisteva ma aveva come limite fondamentale quello di dare un elevato numero di falsi positivi. Questa nuova tecnica invece si basa su un sensore economico e altamente sensibile in grado di quantificare la sarcosina, una molecola che sarebbe indice della presenza di un cancro prostatico in corso di evoluzione.

Alla base del nuovo strumento di indagine, invece, c'è l'elettrochemiluminescenza (Ecl), tecnica da anni al centro dell'interesse del gruppo di ricerca coordinato da Francesco Paolucci, docente dell'università di Bologna, e oggi principale metodologia di analisi clinica in commercio per la diagnosi precoce del cancro alla prostata che ogni anno causa più di 250mila decessi.

L'obiettivo ora è sviluppare un test standardizzato e con tempi veloci di analisi mentre il team sta già pensando di estendere il suo approccio ad altre patologie come il diabete.




autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]