Salvini "salva" Radio Padania (ma i soldi non ci sono)

02 ottobre 2015, Americo Mascarucci
Salvini 'salva' Radio Padania (ma i soldi non ci sono)
"Radio Padania non chiude. Noi ci siamo e non abbiamo intenzione di tacere. A qualcuno dà fastidio ma a noi va bene". Il segretario della Lega, Matteo Salvini, interviene a smentire le voci circolate nelle ultime ore relativamente ad una possibile chiusura dell’emittente radiofonica, l’unico organo d’informazione made in Lega ancora attivo e sopravvissuto alla scure dei tagli resi inevitabili dalla scarsità di risorse. 

Il de profundis era già suonato per Tele Padania e per il quotidiano “La Padania” e tutto lasciava presagire che identica sorte sarebbe toccata anche alla radio. Invece, almeno per il momento, questa eventualità sembrerebbe scongiurata. Lo ha annunciato lo stesso Salvini ai microfoni dell'emittente del Carroccio: “ "Per noi è impensabile chiudere il flusso tra i nostri sostenitori e la radio - ha detto rispondendo a un radioascoltatore - E poi la radio è fondamentale per il nostro movimento, senza di essa non ci sarebbe stata la straordinaria Pontida di quest'anno".
 
Il leader del Carroccio a proposito dell'informazione targata Lega ha detto: "Non riusciamo a fare tutto, a salvare il giornale e la tv ma la radio invece c'è, è rognosa e poi la radio cresce, informa e fa parlare la gente”. Ma per sopravvivere servono soldi ed è anche per questo che il leader del Carroccio si rivolge ai radio ascoltatori chiedendo un sostegno economico. "Abbiamo bisogno di voi, ve lo chiediamo col cuore in mano".

La notizia della possibile chiusura di Radio Padania aveva sorpreso tutti, soprattutto perché si tratta dell’emittente in cui ha lavorato Matteo Salvini prima di scalare il vertice del partito, e che tanta popolarità gli ha permesso di acquisire attraverso il contatto costante e quotidiano con i radio ascoltatori. Era infatti proprio lui il conduttore di punta, quello che ogni giorno dialogava con gli elettori e non, e dissipava i loro dubbi, le loro incertezze, rispondendo a sollecitazioni e critiche. Se oggi Salvini è il segretario della Lega, non sarà certamente tutto merito del suo lavoro in radio ma certamente anche quello ha contato. 

E allora, forse al di là delle ragioni economiche, nella decisione avranno pesato anche quelle del cuore?
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]