Video shock dal Texas: alza le mani per arrendersi ma la polizia lo uccide

02 settembre 2015, intelligo
Video shock dal Texas: alza le mani per arrendersi ma la polizia lo uccide
Non gli è bastato alzare le mani in alto per salvarsi la vita. Gilbert Flores, di 41 anni, è stato ucciso durante uno scontro a fuoco in Texas. Il video choc che mostra degli agenti che fanno fuoco contro un uomo, sta già facendo il giro del mondo e sta scatenando vibranti polemiche negli Stati Uniti dove episodi di questo genere accadono con troppa frequenza.

L’intera sequenza è stata ripresa da un passante, Micheal Thomas, con uno smartphone. «Aveva le braccia alzate e gli agenti gli hanno sparato due volte», afferma l'autore del video alla Cnn. Gli agenti erano sul posto per rispondere a una chiamata per violenza domestica giunta dalla casa di Flores, dove i due agenti hanno rinvenuto una donna e un bambino feriti. Le autorità affermano che Flores aveva un coltello ma nel video, girato da lontano, non si riesce a capire se l'uomo lo aveva o meno in mano quando ha alzato le braccia. 

«Di certo quello che c'è nel video è preoccupante, ma è importante che le indagini continuino», afferma lo sceriffo della Contea di Bexar, Susan Pamerlau. I due agenti sono nella polizia della contea di Bextar da 10 anni. Secondo alcune fonti ci sarebbe anche un altro video sull'incidente con immagini più chiare dell'accaduto. «Siamo consapevoli - ha detto la portavoce Susan Pamerleau - che c'è un video che mostra gli ultimi momenti di questo agente coinvolto nella sparatoria. È tra tutte le prove che stiamo raccogliendo per capire cosa sia successo».


Seguici su Facebook e Twitter
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]