Bonus bebé 2016-2017, tutte le novità in arrivo

02 settembre 2016 ore 21:03, Andrea Barcariol
E' stato confermato dall’attuale Legge di Stabilità  il bonus bebè Inps nuovi nati 2016 riconosciuto alle neo mamme e ai neo papà con un reddito basso e i requisiti utili. Non solo. Dall’anno prossimo potrebbe addirittura raddoppiare e durare fino ai 5 anni d’età del bambino (invece di 3 anni) e avere un importo superiore per il secondogenito.
Il bonus natalità 2016 consiste nell’erogazione di un assegno di 80€ al mese per ogni figlio alle famiglie con un ISEE inferiore a 25mila euro, e di 160€ mensili a chi è in una fascia ISEE al di sotto di 7mila euro. E' questa, oltre al discusso fertilyday, una delle misure su cui sta puntando il Ministero della Sanità per arrestare il crollo delle nascite in Italia. Il progetto del ministro Lorenzin per far fronte al crollo demografico è quello di raddoppiare la quota mensile per il primo figlio, portandola a 160€ e a 320€ a seconda della soglia Isee. Le coppie che decideranno di dare al primogenito un fratellino non riceveranno la stessa somma come oggi, ma 80€ in più.

[imafge:left] Il problema è sempre lo stesso: trovare la copertura economica. Il piano della Lorenzin sarebbe quello di sfruttare i risparmi della spesa pubblica dovuti al decremento delle nascite e stanziare questi soldi per il nuovo bonus bebè.
La richiesta del bonus bebè va fatta entro 3 mesi dalla nascita o dall’arrivo in casa del bambino. Se la domanda viene fatta oltre i termini previsti, l’erogazione del bonus scatterà comunque dalla data di presentazione della stessa al compimento del 3° anno di vita del figlio e non si riceveranno gli arretrati. La richiesta va presentata una sola volta per figlio e nel caso di gemelli la somma percepita va moltiplicata per il numero degli stessi.
Per fare la domanda basta inviare apposita domanda in via telematica attraverso il sito ufficiale dell’Inps dalla sezione Servizi online. Per accedere al sito e compilare la domanda è necessario avere il codice PIN rilasciato dall’Istituto.
L’importo una tantum è pari a 275 euro e verrà disposto sulla Carta Acquisti da Poste Italiane, nel corso del primo bimestre 2017. L’importo potrà essere rideterminato in caso di risorse insufficienti a concedere il beneficio a tutti gli aventi diritto, mentre eventuali somme non utilizzate verranno ripartite tra tutti i beneficiari.





caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]