La Chiesa e il complotto internazionale in un documento ufficiale... che sta passando inosservato

20 gennaio 2014 ore 11:38, Marta Moriconi
 
La Chiesa e il complotto internazionale in un documento ufficiale... che sta passando inosservato
Lo scorso 16 gennaio 2014 la Pontificia Commissione Teologica Internazionale ha pubblicato un documento, approvato dal Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede: «Dio Trinità, unità fra gli uomini. Il monoteismo cristiano contro la violenza». Questo lavoro ha del sensazionale, in quanto –ufficialmente- la Chiesa ha parlato, senza giri di parole, di "complotto internazionale dei cosiddetti poteri forti nel campo della finanza, economia, della comunicazione e degli ambienti culturali", evidenziando passo per passo la fine e strategica azione lesiva nei suoi confronti e non solo. La "cristianofobia" (per dargli un nome da social), a questo punto, è diventata una vera e propria denuncia della Chiesa Cattolica e non più l’invenzione di qualche cattolico con manie di persecuzione. Ma nonostante l'importanza storica di questa presa di posizione dell'organismo della Curia romana incaricato di vigilare sulla purezza della dottrina della Chiesa Cattolica, poche sono state le voci che si sono date da fare per divulgare questo lavoro, a parte il grande sociologo e storico dell religioni Massimo Introvigne (nella foto) che ne ha scritto su La Bussola Quotidiana.  E' corretto sottolineare comunque che, grazie alla consulenza teologica di Don Ernesto Zucchini, Presidente della fondazione della mistica Maria Valtorta", tra i primi a richiamare l'importanza di questo testo va annoverato Paolo Brosio, che nel suo sito ha riportato di essere riuscito a contattare il grande sociologo e storico delle religioni Massimo Introvigne, facendosi evidenziare in breve il nocciolo della questione (su www.paolobrosio.it  sono presenti anche le sue conclusioni):
La Chiesa e il complotto internazionale in un documento ufficiale... che sta passando inosservato
“Punto 1) Il documento è il frutto di un grande sforzo culturale della Chiesa voluto da Benedetto XVI e continuato sotto l’egida di Papa Francesco. Punto 2) Nel documento è importante anzitutto la constatazione che è in atto un’aggressione culturale senza precedenti contro la Chiesa Cattolica, considerata responsabile di tutti i mali e le violenze del mondo. Sono venuti allo scoperto poteri forti che odiano la Chiesa e la vogliono distruggere. Punto 3) lo studio mette in luce come si aggredisce la Chiesa nei media, nella cultura e nelle università. Si sostiene che il monoteismo – credere in un solo Dio – è intollerante, fanatico, violento: un solo Dio vuol dire una sola verità. Invece il politeismo – credere in più dei – sarebbe tollerante e simpatico: più dei uguale più verità. Il politeismo non è solo quello delle religioni antiche o orientali. Anche il relativismo è un politeismo. L’uomo moderno adora più dei nel senso che crede a più verità. La Chiesa in quanto è monoteista e crede che esista una verità sarebbe dunque “cattiva”. Punto 4) Il documento smonta questa macchina da guerra contro la Chiesa attraverso diversi passaggi. Che sia l’inizio di una nuova era?
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]