Pakistan: orrore in un campus universitario. I talebani rivendicano l'attentato

20 gennaio 2016 ore 20:40, Orietta Giorgio
Pakistan: orrore in un campus universitario. I talebani rivendicano l'attentato
Strage alla Bacha Khan University di Charsadda, un campus pachistano a circa 50 km dalla città di Peshawar: un gruppo di uomini armati ha aperto il fuoco su studenti e docenti, uccidendo circa 30 persone.

L’attentato è stato rivendicato dai talebani del Pakistan (Tehreek-e-Taliban Pakistan) specificando che  puniranno in base alla Shariah islamica “chiunque abbia utilizzato il nome del TTP per questa attività anti-islamica”. 
Umar Mansoor, un comandante del gruppo, ha comunicato in una telefonata all’Afp: "Nostri quattro kamikaze hanno compiuto un attacco contro l'università di Bacha Khan, questo attacco è stato lanciato in rappresaglia all'operazione Zarb-e-Azb". Il riferimento è a una vasta offensiva antiterrorismo in corso nelle zone tribali del Nord-Ovest, alla frontiera con l'Afghanistan.

L’attacco all’ateneo è avvenuto alle 9 del mattino (ora locale) durante un recital di poesie dedicato a Khan Abdul Ghaffar Khan, conosciuto come Bacha Khan, un pacifista e rispettato leader della nonviolenza, fondatore dell'univeristà di Charsadda, morto nel 1988. I miliziani sono entrati nel campus sparando all’impazzata contro circa 600 fra professori e studenti, uccidendone 30 e ferendone circa 50. Tra le persone uccise anche Syed Hamid Hussain, il “professore eroe” morto per aver difeso i suoi studenti. 

Il primo ministro pakistano Nawaz Sharif ha commentato: “siamo determinati e risoluti nel nostro impegno volto a sradicare la minaccia del terrorismo dalla nostra patria. Gli infiniti sacrifici compiuti dai nostri connazionali non saranno vani”.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]