Nazi-buonismo Vs Adinolfi. Bloccato il "matto" che parla di mamma e papà: solidarietà e una riflessione

20 giugno 2014 ore 10:41, Marta Moriconi
[caption id="attachment_69811" align="alignright" width="300"]
Nazi-buonismo Vs Adinolfi. Bloccato il 'matto' che parla di mamma e papà: solidarietà e una riflessione
"Nazi-Buonisti" il libro di Fabio Torriero[/caption] Solo mercoledì Fabio Torriero, il direttore di IntelligoNews,  aveva sottolineato e denunciato nella presentazione del suo ultimo libro, Nazi-buonisti (ed. Koinè), come gli eventi di cronaca riportati dai giornali e presenti nel libro (alcuni dei quali, relativi agli anni 2012 e 2013 sono stati letti all'inizio della presentazione) non siano poi che il frutto di una "società soggiogata alle pulsioni dell'io", che non è connessa alla realtà, ma che legifera ormai le proprie voglie estreme e legate ad una sfera privata più che pubblica. Società che "ha perso il senso dell’alterità, della relazione, del noi", con le ragioni da trovare "nell'incontro tra il familismo amorale e il retaggio del ’68, tra il berlusconismo culturale ed i social network". Veneziani aveva visto "nell'egoismo diffuso e senza limiti e nella mistica dell'oggi" i veri motori della società, con tutti i risultati che tali fenomeni comportano.
Nazi-buonismo Vs Adinolfi. Bloccato il 'matto' che parla di mamma e papà: solidarietà e una riflessione
Beh, uno ce lo abbiamo di fronte. Di nuovo, perchè era già accaduto a Costanza Miriano e non solo. Le loro battaglie da semplicemente "impopolari"  stanno diventando "censurabili". Così è successo all'autore del libro Voglio la Mamma, Mario Adinolfi, che ha visto chiudersi il profilo facebook perchè dice delle cose assurde, folli, tipo quella di definire un bambino frutto del rapporto tra un uomo e una donna. Non sia mai. E' arrivata la ghigliottina dei nazi-buonisti, permissivi a modo loro e con chi hanno prescelto, intolleranti e dai modi dittatoriali contro quelli che non la pensano allo stesso modo. E' l'era dell'eterofobia se non si fosse capito (altro che omofobia!) e magari è il caso che qualcuno, là in Parlamento, pensi a stendere una legge per noialtri, poveri pazzi da rinchiudere anche virtualmente a chiave, allontanati per non infettare con il nostro virus quanti lavorano per distruggere semplicemente la realtà. Gente che è impossibile anche rieducare secondo loro; meglio "sopprimerla" e chiudendogli la bocca. Quando si dice la forza delle idee, no?
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]