Semplificazione, dichiarazione precompilata e altre novità

20 giugno 2014 ore 13:46, Marta Moriconi
Semplificazione, dichiarazione precompilata e altre novità
Via libera dal Cdm al primo decreto legislativo che attua la delega fiscale per la semplificazione. 34 gli articoli con la famosa dichiarazione dei redditi precompilata, i rimborsi Iva più facili e le modalità per l'eredità diretta come per i rimborsi per le società. Anche la riforma del Catasto ha trovato spazio.
Ecco le novità in punti: 
  • Il 730 precompilato arriverà dal prossimo anno, quindi varrà per i redditi del 2014 in via sperimentale, in quanto secondo le vecchie modalità si potrà procedere ancora.
Il tutto potrà essere visualizzato "entro il 15 aprile di ciascun anno" (come in conferenza stampa ha annunciato il ministro Boschi) dai titolari di redditi da lavoro dipendente e assimilati. 100 euro è la sanzione predisposta per ogni certificazione omessa, tardiva o errata.
  • Non ci sarà più l'obbligo di dichiarazione per l’eredità, se devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto.
Ma la cifra ereditata non dovrà superare centomila euro.
  • Poi c'è il rimborso del credito di imposta che sarà più celere, entro 2 mesi dalla richiesta del contribuente e allo stesso tempo saranno erogati gli interessi.
  • Per le spese sanitarie "a partire dal 2016 ci sarà una ulteriore semplificazione" ha segnalato il ministro Boschi, perché nella dichiarazione dei redditi precompilata compariranno "attraverso il tesserino sanitario, che si può immaginare di utilizzare in futuro per tutte le visite mediche» anche le spese sanitarie. Asl, ospedali e strutture di cura, compresi gli ambulatori, farmacie e chi eroga assistenza, entro il 2015 dovranno inviare al sistema Tessera sanitaria i dati relativi alle prestazioni erogate nel 2015, che andranno quindi nella dichiarazione dei redditi dell’anno successivo.
Al via poi la riforma del Catasto!
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]