Ballottaggi: Raggi e Appendino due "stelle" per il Movimento, Sala salva Renzi

20 giugno 2016 ore 7:27, Andrea De Angelis
Che Virginia Raggi vincesse a Roma era ormai noto anche al di fuori dei confini nazionali, ma che lo facesse con il 67% non era auspicabile neanche dai suoi. Il successo di Chiara Appendino, però, non era assolutamente chiaro neanche in quel di Torino. Sono loro le due stelle della notte di metà giugno che scrive la storia delle amministrative italiane. Mai il Movimento 5 Stelle aveva vinto un capoluogo di regione, mai una donna era stata eletta prima cittadina nella capitale italiana. 

Un successo, dunque, atteso e clamoroso allo stesso tempo. Decisivo con ogni probabilità il voto degli elettori di centrodestra a favore delle due candidate pentastellate, ma lo stesso non è accaduto in direzione opposta. Non ce l'hanno fatta né Parisi a Milano, né Borgonzoni a Bologna. Certo, le prestazioni dei due non sono state negative, con la candidata della Lega che ha chiuso al 45,4 nella rossa Bologna, mentre Parisi si è fermato al 48,3%.
La percentuale di Borgonzoni è la stessa, identica di Piero Fassino, il cui successo due settimane fa era dato addirittura come possibilie già al primo turno. Una delle figure più importanti e conosciute del Partito Democratico perde, dunque, nonostante il governo del capoluogo piemontese fosse stato considerato buono da più addetti ai lavori. Una sconfitta sorprendente, importante, che farà molto discutere nei prossimi giorni. Come, del resto, si dovrò parlare della vittoria schiacciante di Luigi De Magistris che, in due settimane, ha battuto davvero tutti: dal Pd al centrodestra, fino ai 5Stelle.

Ballottaggi: Raggi e Appendino due 'stelle' per il Movimento, Sala salva Renzi
Renzi, dunque, non sorride. Sconfitto senza attenuanti, come recita in sostanza una nota del Pd della mezzanotte riferendosi a Roma e Torino, ma vincente a Bologna e soprattutto a Milano. Proprio Sala, quello che insieme a Valente (fuori già al primo turno a Napoli) era il candidato più renziano di tutti, di fatto salva il premier da una sconfitta che sarebbe potuta essere davvero pesante. Vincere solo a Bologna (dove era quasi impossibile perdere) lasciando sul campo Milano e Torino, Roma e Napoli sarebbe stato davvero troppo. 
Nel complesso, nei comuni capoluogo al ballottaggio, il centrodestra ottiene 10 sindaci (tra cui Trieste e Pordenone), 8 il centrosinistra (Varese e Caserta, tra gli altri), 3 il M5s (oltre a Roma e Torino, Carbonia).


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]