Comunali, Adinolfi: "A Milano errore di Cl e Amicone. Cattolici si pentiranno del voto a Raggi"

20 giugno 2016 ore 14:05, Americo Mascarucci
"I cattolici si pentiranno molto presto di aver dato fiducia al Movimento 5Stelle".
Ne è convinto Mario Adinolfi leader de Il Popolo della Famiglia che ad Intelligonews commenta le rivelazioni contenute in un articolo pubblicato da La Stampa a firma del noto vaticanista Andrea Tornielli. Il quale arriva addirittura a riportare le dichiarazioni di un autorevole esponente della Curia romana, un prelato in prima linea, il quale avrebbe ammesso di essere andato alle urne e di aver votato la Raggi. 

Adinolfi, appare evidente che il voto dei cattolici a Roma sia andato in larga parte al Movimento 5 Stelle. Machiavelli diceva che "il fine giustifica i mezzi" e forse molti hanno pensato così di punire Renzi per la gestione del Ddl Cirinnà. Ma è la strada giusta?

"I cattolici si renderanno presto conto di cosa significa il sostegno ai 5Stelle che hanno espresso con interventi politici, riscontrabili negli atti della Camera, le seguenti linee programmatiche: sostegno al matrimonio omosessuale da loro definito egualitario; sostegno ai matrimoni multipli; interventi per agevolare l'interruzione volontaria della gravidanza; iniziative di contrasto all'obiezione di coscienza dei medici: legalizzazione delle droghe leggere. L'elemento poi che dovrebbe interessare di più il vescovo citato da Tornielli riguarda le proposte che coinvolgono direttamente il Vaticano, dal pagamento delle tasse sugli immobili della Chiesa alla richiesta degli arretrati non pagati. Forse ci si dimentica che il leader della Raggi è quello stesso Beppe Grillo che in un video blasfemo si è paragonato a Gesù che cammina sulle acque e in più si è messo pure a distribuire la finta comunione ai propri adepti. I 5Stelle sono radicalmente alternativi alla difesa dei temi etici e ai valori non negoziabili".

A Milano Parisi ha perso e c'è chi punta il dito contro il mancato appoggio di Nicolò Mardegan, candidato sostenuto anche dal Popolo della Famiglia

"I voti di Mardegan non avrebbero fatto vincere comunque Parisi. Anche a Milano l’elemento interessante è dato dai cattolici che hanno fatto una scommessa sbagliata. Luigi Amicone sosteneva ad esempio che io non avrei dovuto presentare la lista del Popolo della Famiglia né a Roma e né a Milano per sostenere Bertolaso e Parisi sicuri vincitori. Comunione e Liberazione si è divisa, il voto cattolico si è frammentato. Amicone, e come lui Maurizio Lupi, se ce l'hanno fatta è per poco. Parisi ha perso e comunque si trattava di un candidato che non proveniva dal nostro mondo e che sui temi etici non era affatto allineato alle nostre battaglie. Oggi sono ancora più convinto di aver fatto la scelta giusta schierando la lista del Popolo della Famiglia tanto a Roma che a Milano, rivendicando la nostra autonomia rispetto a candidati lontani anni luce dai nostri valori". 

Alla fine chi ha vinto e chi ha perso veramente?
 
"La sconfitta è chiara. Ha perso il centrodestra che ha utilizzato queste elezioni per i propri riposizionamenti interni, ha perso Renzi che ormai è chiaro non ha più la spinta propulsiva dei mesi passati. Tuttavia in Italia gli innamoramenti durano poco. Adesso è il momento dei 5Stelle. Ma io ricordo molto bene Mario Segni che sembrava avere l'Italia in mano con le battaglie referendarie e dopo un anno era diventato politicamente irrilevante, stesso destino toccato in tempi più recenti all'altro Mario, Monti. Renzi appena un anno fa sembrava imbattibile, oggi si sta leccando le ferite. La politica italiana è in continua transizione. 
Dentro questa transizione i cattolici devono decidere cosa fare. Noi vogliamo un soggetto autonomo dagli schieramenti che difenda i valori non negoziabili e che abbia i principi etici come base programmatica di partenza. Su questi principi oggi si deve misurare l'impegno dei cattolici in politica. Non possiamo accettare che in assenza di riferimenti credibili Grillo e company continuino a vincere con i voti dei cattolici e la benedizione della Chiesa". 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]