Comunali, Fusaro: "A destra e sinistra manca credibilità. 5S un voto di protesta, ma..."

20 giugno 2016 ore 15:55, Americo Mascarucci
"I risultati di Roma e Torino sono da ricondurre nella categoria del voto di protesta. La vittoria del Movimento 5Stelle ai ballottaggi non ha alcun risvolto di tipo programmatico".
Ne è convinto il filosofo Diego Fusaro che ad Intelligonews spiega le dinamiche che, a suo giudizio, hanno determinato il successo di Virginia Raggi a Roma e di Chiara Appendino a Torino.

Fusaro, la conquista di Roma e Torino da parte dei 5Stelle è un voto di protesta o di programma?

"Sicuramente un voto di protesta che ha decretato una miserrima fine per il Pd di Fassino a Torino e di Renzi a Roma. Chi ha votato i 5Stelle, soprattutto nelle periferie delle due città, ha voluto punire un Partito Democratico che di democratico oggi ha soltanto il nome e di sinistra neppure quello"

Quindi un voto di pancia, non di testa?

"Non ho visto nei programmi dei 5Stelle alcun riferimento alle parole lavoro e diritti sociali. C’è solo da sperare che presto queste parole vengano messe al centro dell'azione amministrativa".

A suo giudizio dopo queste elezioni cambierà qualcosa nel Pd e nel Governo, oppure Renzi tirerà dritto per la sua strada?

"Non cambierà nulla, Renzi andrà avanti per la sua strada imponendo il suo volere come ha fatto fino ad oggi. Tuttavia questi ballottaggi sono un segnale forte in vista del referendum costituzionale di ottobre, sperando che vinca il no".

C'è chi chiede a Renzi di lasciare la segreteria del Pd per dedicarsi a tempo pieno al Governo senza trascurare il partito: Lei è d'accordo?

"Potrebbe essere un'idea, ma non credo cambierebbe nulla. Il problema non è dato dal fatto che Renzi si dedichi più all'una o all'altra cosa, il problema sta nella politica del Pd, è lì il fallimento".

Non sarà che diversamente dai 5Stelle tanto il Pd che il centrodestra non hanno compreso la necessità di un ricambio generazionale e di un rinnovamento?

"Direi che la destra come la sinistra sono frammentate e non riescono più a catalizzare il consenso degli elettori, mancano di credibilità politica ma ancora di più di persone credibili"

Come spiega il fatto che laddove si è scontrato con i 5Stelle il Pd ha perso mentre ha vinto contro il centrodestra (vedi Milano)?

"Semplicemente perché Renzi e il centrodestra sono la stessa cosa. Il centrodestra non è credibile perché Renzi ha occupato l’area del centrodestra e sta facendo esattamente quello che faceva Berlusconi. Gli elettori alla fine non vedono nel centrodestra una valida alternativa". 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]