Einaudi suona il piano tra i ghiacci: con Greenpeace in difesa dell'Artico. IL VIDEO

20 giugno 2016 ore 23:59, Orietta Giorgio

Einaudi suona il piano tra i ghiacci: con Greenpeace in difesa dell'Artico. IL VIDEO
Dopo "il pianista sull’oceano" arriva il pianista tra i ghiacci, ma non si tratta di un film: lo scenario è spettacolare, il concerto è incantevole, lo scopo è sostenere la campagna Greenpeace "Save the Arctic", per la difesa dell’Artico.  


Il pianista in questione? E’ Ludovico Einaudi, musicista e compositore di fama mondiale, che ha eseguito al pianoforte l’inedito “Elegy for the Arctic”. Dove? Al largo del ghiacciaio Wahlenbergbreen, sulle Isole Svalbard (Norvegia).

"L'artista ha raggiunto il ghiacciaio a bordo della nave "Arctic Sunrise" unendosi all’appello firmato da quasi 8 milioni di persone per chiedere alla comunità internazionale di sottoscrivere al più presto un accordo che protegga l’Artico dallo sfruttamento e dai cambiamenti climatici", spiega l'associazione ambientalista.


Einaudi è testimone della tragedia che si sta consumando in quei luoghi, il suo pianoforte è stato collocato su un iceberg artificiale: "Non c’era abbastanza ghiaccio nella zona dove è stato chiamato ad esibirsi, a causa degli effetti del cambiamento climatico, e Greenpeace ha dovuto costruire un iceberg artificiale (2,6 x 10 metri), costituito da più di 300 triangoli di legno attaccati, con un peso complessivo di quasi due tonnellate".


"L’Artico non è un deserto ma un luogo pieno di vita,- spiega Einaudi- ho potuto vedere con i miei occhi la purezza e la fragilità di quest’area meravigliosa. E interpretare una mia composizione ispirata alla bellezza dell’Artico e alle minacce che subisce a causa del riscaldamento globale. Dobbiamo comprendere l’importanza dell’Artico per proteggerlo prima che sia troppo tardi". 


Il "concerto glaciale" si è tenuto alla vigilia di un’importante riunione dell’OSPAR, la commissione internazionale deputata alla conservazione dell’Atlantico nordorientale, che proprio in questi giorni potrebbe decidere di istituire un’area protetta di oltre 226 mila chilometri quadrati nelle acque internazionali del Mar Glaciale Artico.

Gli orsi polari sono stati inclusi tra le specie minacciate di estinzione, vivono sui ghiacci dell'Artico e ne dipendono completamente, potrebbero essere i primi mammiferi a perdere completamente il proprio habitat naturale.

Einaudi suona il piano tra i ghiacci: con Greenpeace in difesa dell'Artico. IL VIDEO

Il rapporto scientifico “What happens in the Arctic doesn’t stay in the Arctic” (Quel che accade nell’Artico non resta confinato nell’Artico), pubblicato da Greenpeace, svela che l’Artico si sta scaldando due volte più in fretta che qualsiasi altra regione del mondo

Il surriscaldamento di questo ecosistema unico e prezioso può avere gravi ripercussioni sull’intero clima terrestre, per questo il destino dell’Artico è anche il nostro destino. 


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]