La proposta salva-vita: Tso contro l'anoressia

20 maggio 2015, intelligo
La proposta salva-vita: Tso contro l'anoressia
La proposta di legge è della deputata Pd Sara Moretto che ieri alle 14:30 ha presentato in conferenza stampa alla Camera. 
Si tratta di una legge per rendere possibile il trattamento sanitario obbligatorio in caso di gravi disturbi alimentari.

D'altronde sono in aumento le persone che soffrono di anoressia o bulimia rischiando la vita, e dice la Moretto "è un tema molto delicato e indispensabile da affrontare". 

L'idea della deputata, queste le sue parole, "nascono dal confronto sulla esperienza e sulle competenze maturate alla interno della ULSS 10 Veneto Orientale, dove è attivo un Centro che ha raggiunto risultati riconosciuti in tutto il territorio nazionale. È urgente fornire alle famiglie delle persone affette da disturbi del comportamento alimentare uno strumento per evitare di dover assistere alla morte dei loro cari". 

Per il Trattamento sanitario obbligatorio per la nutrizione deve essere fornito dal Servizio sanitario nazionale, nelle strutture pubbliche di tutta Italia. Per fare questo occorre anche fornire queste strutture di un'equipe multi-professionale includente psichiatri, esperti in nutrizione clinica e pediatria.

Il problema è superare l'ostacolo, che spesso si pone, della possibilità di un rifiuto dei trattamenti sanitari da parte del malato. Ma essendo cure salvavita e versando queste persone "in condizioni di grave malnutrizione" lo Stato deve far sentire la sua voce.

(m.m.)
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]