Aereo EgyptAir, misteri e ipotesi: dal terrorismo all’hostess che postava frase del Corano

20 maggio 2016 ore 14:10, intelligo
di Luciana Palmacci 

Luci e ombre sul caso dell’aereo EgyptAir in volo da Parigi a Il Cairo inabissatosi nel Mediterraneo dopo due improvvise quanto misteriose virate. I rottami sono stati ritrovati in mare, a 290 km a nord di Alessandria. Bomba o kamikaze? Esclusa la pista di un missile, tra le ipotesi c’è il terrorismo e un guasto. 
Russia e Usa sono stati i primi a parlare di una bomba a bordo, poi l'Egitto di terrorismo, ma finora le cause del disastro aereo restano un mistero. Quel che è certo è che l’ipotesi di terrorismo resta la più accreditata. Con estrema prudenza il ministro dell'Aviazione civile egiziano Chérif Fathy ha detto che la situazione “lascia pensare (...) che le probabilità di un attacco terroristico siano maggiori di quelle di un guasto tecnico. Ma non voglio tirare conclusioni affrettate”, ha precisato. 
Aereo EgyptAir, misteri e ipotesi: dal terrorismo all’hostess che postava frase del Corano

I terroristi potrebbero aver voluto colpire nuovamente Parigi o l'Egitto, o forse l'obiettivo era a bordo. Tra i passeggeri noti c'erano Ahmed Helal, egiziano, direttore di Procter Gamble negli stabilimenti industriali di Amiens; la cognata di Hisham el-Maqawad, numero due dell'ambasciata egiziana; Sahar al-Khawaga, donna che lavorava all'ambasciata saudita al Cairo. E forse qualcuno del quale non sono state ancora rese note le generalità. Intanto le autorità aeroportuali al Cairo hanno riferito che la commissione d’inchiesta egiziana, che indaga sul disastro aereo, si recherà al più presto sul luogo per esaminare i rottami e le due scatole. 

Una circostanza davvero singolare sta spostando l'attenzione su un’hostess della compagnia egiziana. La donna, Samar Ezz Eldin, sembra abbia avuto una sorta di preveggenza: sulla sua pagina Facebook aveva postato, a settembre 2014, una fotografia che la ritraeva in divisa e sullo sfondo il mare dal quale la coda di un aereo che cade. Una veggente o qualcosa di più? Secondo quanto raccontato da un amico alla tv satellitare al Arabiya, sarebbe stato un rito scaramantico che la hostess ripeteva spesso per allontanare la paura proprio di un incidente aereo (la foto era sempre accompagnata da versi del Corano). Samar, anche lei dispersa, lavorava presso la compagnia da due anni e si era sposata sei mesi fa.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]