Almaviva lancia la piattaforma Giotto o Giotto rilancia Almaviva?

20 novembre 2015 ore 10:32, Luca Lippi
Almaviva lancia la piattaforma Giotto o Giotto rilancia Almaviva?
Una delle prime sfide che si parano davanti agli occhi della moderna industria tecnologica, riguarda la possibilità di dare vita ad un numero crescente di oggetti “intelligenti” attraverso la Rete e di riuscire a coordinarli fra loro facendo leva su quella tecnologia di tipo Cloud. In informatica con il termine inglese “cloud computing” si  indica un paradigma di erogazione di risorse informatiche, come l'archiviazione, l'elaborazione o la trasmissione di dati che consente ormai l'archiviazione di una quantità di informazioni e dati pressoché infinita e di connettere tra loro applicazioni apparentemente prive di ogni correlazione.

Giotto che è la piattaforma lanciata da Almaviva, punta a costruire una base applicativa in grado di tutelare e ottimizzare quagli stessi dati che risultano funzionali all'IoT (estensione di Internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti) e la suo corretto procedimento. In sintesi, Almaviva ( azienda che sviluppa soluzioni tecnologiche d’eccellenza, in grado di fare evolvere i sistemi e i processi operativi di Aziende e Pubbliche Amministrazioni) per migliorare il livello di servizio in un mercato in continua trasformazione, anche in termini di continuità operativa, privacy e sicurezza dei dati, aspira a diventare quella grande mente universale attraverso la quale regolare “dall'alto” il funzionamento di tutti gli oggetti e i dispositivi che si trovano ad essere connessi alla Rete, andando a raccogliere i dati inviati dai singoli supporti (a prescindere da tipologie e dimensioni) e a rielaborarli per impedire sprechi e malfunzionamenti.

Giotto è una  piattaforma universale attraverso la quale sarà possibile realizzare un'interconnessione tra l'Internet delle Cose (Iot) tale da riuscire a sincronizzare l'azione di dispositivi tecnologici, abitazioni domestiche e persino stazioni ferroviarie o paesi. Una delle prime sfide che si parano davanti agli occhi della moderna industria tecnologica, riguarda la possibilità di dare vita ad un numero crescente di oggetti “intelligenti” attraverso al Rete e di riuscire in seguito a coordinarli e a migliorare le loro funzionalità mediante l'ideazione di piattaforme, anch'esse di tipo smart, che fungono da supervisori dell'operato dei singoli oggetti.

Un’operazione di rilancio per Almaviva che avendo perso le commesse col Comune di Roma, quello di Milano e Wind, pur essendo presente in tutto l’Occidente e gran parte dei Paesi emergenti, vede eroso il suo mercato? È di febbraio la notizia che Almaviva sia in procinto di mettere in mobilità 1500 dipendenti e ha annunciato il non rinnovo per 200 dipendenti a progetto. In sostanza pare che i servizi offerti da Almaviva siano fuori mercato, probabilmente deve raccogliere risorse per rilanciare il suo business e come tutti, recupera risorse dal mercato del lavoro, almeno in Italia.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]