Effetto Barilla per Melegatti? Chiede scusa per un post "omofobo" dopo la rivolta social

20 novembre 2015 ore 17:04, Americo Mascarucci
Effetto Barilla per Melegatti? Chiede scusa per un post 'omofobo' dopo la rivolta social
Effetto Barilla sull’azienda Melegatti, celebre per il classico pandoro già in commercio nei supermercati italiani, finita nell’occhio del ciclone a causa di un post pubblicato sul profilo Facebook giudicato dal tenore omofobo. 

Il post incriminato infatti recita: «Ama il tuo prossimo come te stesso... Basta che sia figo e dell’altro sesso!». Il tutto accompagnato da una foto che ritrae un letto sul quale sono appoggiate due tazze e due cornetti tenuti da due mani chiaramente appartenenti ad un uomo e ad una donna, sebbene non si vedano le facce ma soltanto le gambe che fuoriescono sullo sfondo. 

Apriti cielo. Sui social network è scoppiata la rivolta perché, come sempre avviene in questi casi, quando la pubblicità promuove l’ideologia gender va tutto bene e anzi sono tutte congratulazione ed applausi, quando invece si va a difendere la famiglia naturale allora ecco lo scandalo. Proprio come avvenuto alla Barilla colpevole di aver dichiarato la sua contrarietà a campagne pubblicitarie pro gay. La polemica è stata talmente forte da aver obbligato la Melegatti a precisare la propria estraneità al post contestato, rimuovendolo dal profilo e sostituendolo con una note di scuse: “Con riferimento al post di questa mattina, Melegatti S.p.A. chiarisce che la gestione della comunicazione sui social è affidata ad un‘agenzia esterna che ha pubblicato senza autorizzazione da parte dell’Azienda.

Melegatti S.p.A. si dissocia dall’operato di tale agenzia che ovviamente è stata sollevata dall’incarico e si scusa formalmente con chiunque si sia sentito offeso dal contenuto”. 
Ma i sospetti alla fine vengono a galla: e se fosse tutto calcolato? L'importante è che se ne parli...
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]