Renzi all'Onu, Richetti (Pd): "Molto più che frecciatine quelle tirate all'Europa"

20 settembre 2016 ore 12:23, Andrea De Angelis
Renzi all'Onu, Richetti (Pd): "Molto più che frecciatine quelle tirate all'Europa"

La Consulta rinvia la decisione sulla legittimità dell'Italicum, che salvo sorprese slitta dunque a dopo il referendum. Intanto Matteo Renzi all'Onu continua a contestare la linea franco-tedesca su austerità e migranti. Le sue parole, pronunciate negli Usa, entrano nelle stanze che contano del vecchio continente. IntelligoNews ne ha parlato con Matteo Richetti, parlamentare del Partito Democratico...

La Consulta rinvia la decisione sulla legittimità dell'Italicum.Vogliamo spiegare ai lettori il motivo? Cosa è in discussione?
"Prendo come un attestato di stima questa domanda, ma non saprei cosa dirle. Bisognerebbe chiederlo alla Consulta"

Il fatto che venga rinviato a dopo il referendum non dà anche un significato politico? Oggi ne parlano molti giornali...
"Mi chiede di commentare la decisione di un organo terzo? Temo che non sia il mio mestiere. Per l'amor di Dio...".

Questo non vuole commentarlo. Veniamo allora alle parole di Renzi all'Onu dove non sono mancate delle frecciatine all'Europa di Hollande e Merkel a pochi giorni da Bratislava. Che effetto le fa sentire il premier che dagli Usa parla contro un certo tipo d'Europa?
"Derubricare a frecciatine le dichiarazioni del Presidente del Consiglio è sbagliato. Quando si affrontano temi come l'immigrazione, l'economia, il lavoro e gli investimenti non sono solo delle frecciatine. Credo che l'esercizio del Primo ministro italiano sia fondamentale in questo lavoro, insomma non può mica funzionare che l'Europa va avanti a dichiarazioni e buoni intenti. I cittadini chiedono risposte convincenti all'Europa, lo stanno dimostrando a tutte le tornare elettorali. Serve, lo stiamo dicendo da molto tempo, un passo in avanti sul tema della politica comunitaria, un passo indietro sul tema della logica ragionieristica. Su temi come emergenza rifugiati e investimenti l'Europa non può dare risposte simili. Fa bene Renzi a sostenere posizioni che il nostro Paese ha e non solo da oggi". 

Renzi all'Onu, Richetti (Pd): 'Molto più che frecciatine quelle tirate all'Europa'
Non è un caso che Renzi parli così anche a un mese dall'incontro alla Casa Bianca con Obama, è probabile che sarà uno dei temi caldi?
"Il problema non è dove lo dice, ma quando. Lo dice dopo che a Ventotene Merkel e Hollande hanno condiviso un'idea, ma se su quell'idea non si fa un passo in avanti, ovvero al vertice di Bratislava, allora c'è un problema. Perché l'Europa si ferma alle buone intenzioni. C'è un momento in cui si condivide un impianto e un altro in cui esso diventa esecutivo. L'Italia chiede vedo, non solo puntate e rilanci in termini motivazionali. Quindi le leggi di bilancio che ognuno deve mettere in campo chiedono risposte che, però, non stanno arrivando". 

Secondo lei arriveranno o no?
"Penso che se si vuole raccogliere il segnale che giunge dai singoli Paesi membri, le risposte arriveranno a breve. Non mi pare che Angela Merkel abbia ricevuto in queste ore dai tedeschi il plauso per le politiche improntate esclusivamente al rigore. Così in Francia, ma anche in Italia le politiche comunitarie incontrano un approccio d'identificazione dei cittadini nella dimensione europea e comunitaria. Io credo che le risposte debbano arrivare in maniera anche abbastanza obbligata, poi noi italiani abbiamo da questo punto di vista un'idea, un'impostazione fortemente europeista, ma anche esigente. Non c'è dubbio che Renzi da un po' di mesi sia da traino di questa visione che fa fare un passo in avanti, non all'indietro a livello continentale".


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]