Salvini preferisce Ratzinger, Tarquinio insorge. Ma è lecito?

20 settembre 2016 ore 12:39, Americo Mascarucci
E’ lecito o no fare paragoni fra due papi? E’ lecito o no affermare di preferire Benedetto XVI rispetto a Francesco? 
Sembrerebbe di no, a meno che non si affermi l’esatto contrario e cioè che Bergoglio è migliore di Ratzinger. 
Questo possono affermarlo tranquillamente anche grandi firme del giornalismo italiano (vedi Eugenio Scalfari per esempio) eminenti politici (vedi Nichi Vendola), ma se qualcuno si permette di rimpiangere Benedetto XVI allora la cosa diventa "politicamente scorretta".
E’ accaduto che il leader del Carroccio Matteo Salvini durante il raduno di Pontida, si sia permesso di indossare una maglietta con su riportata una frase a doppio senso: "Il mio Papa è Benedetto" che ha scatenato le polemiche.
Il messaggio è chiaro: "Benedetto XVI è meglio di Francesco" che alla Lega non piace per i suoi continui richiami all'accoglienza dei migranti. 
Era già successo in passato quando Umberto Bossi si lasciò andare a delle esternazioni, in quel caso infondate e fuori luogo, contro Giovanni Paolo II anche lui finito nel mirino del Carroccio per essersi permesso di criticare, ovviamente non direttamente, certi toni razzisti e paganeggianti della politica (erano gli anni della secessione della Padania e dei riti celtici nelle acque del Po).
Tornando a Salvini la sua sortita pro Ratzinger e anti-Francesco ha provocato la dura reazione del quotidiano della Cei Avvenire che, tramite il suo direttore Marco Tarquinio ha scritto: 
"La faccia finita Salvini di mettersi addosso i Papi e di mettere loro mani e parole addosso - scrive - Non si va così in paradiso, neppure nel paradiso degli ignoranti e tantomeno in quello, solo elettorale, dei politici. Se Salvini vuole ritornare all'epoca degli attacchi leghisti a San Giovanni Paolo II portati nel pieno delle infatuazioni paganeggianti e degli pseudo riti celtico-padani, la strada è esattamente questa. Ma non si illuda che lo porterà lontano. In ogni caso – attacca Tarquinio - non saremo certo noi a stupirci per le dosi di anticristianesimo di cui fanno ciclicamente sfoggio certi capipartito (non solo) italiani. Tuttavia, la pretesa di giocare 'politicamente' con i Papi, mettendoli propagandisticamente gli uni contro gli altri e facendo addirittura la caricatura del loro magistero, non può lasciare indifferenti e impedisce di lasciar correre questa doppia ignoranza e doppia mistificazione".

Salvini preferisce Ratzinger, Tarquinio insorge. Ma è lecito?
Che la Lega abbia strumentalizzato in questa occasione Ratzinger contro Bergoglio è evidente, ma lasciando per un momento da parte Salvini e la sua maglietta e certi toni anti papali non certamente condivisibili, non si può non osservare come, in ampi settori del mondo cattolico la contrapposizione Ratzinger-Bergoglio sia effettivamente percepita. 
Perché, al di là degli abbracci fra i due papi e i reciproci attestati di stima, è evidente come fra i due le differenze siano concrete. 
Due pontificati, quelli di Benedetto XVI e di Francesco, che possono essere accomunati forse da tante cose, non certo dalla continuità. 
Quindi non è soltanto Salvini a rimpiangere Ratzinger del quale mancano soprattutto i richiami alla difesa dei temi etici, una lotta serrata al relativismo e al nichilismo, una chiarezza scomoda ma necessaria nei rapporti fra cristianesimo e Islam, e soprattutto una cultura teologica senza precedenti. 
Francesco avrà forse altre caratteristiche che Ratzinger non possedeva, ad iniziare forse dalla capacità di fare maggiore presa sulla gente, ma ciò non toglie che per la Chiesa serva anche e soprattutto la capacità di difendere il magistero e contrastare i tanti e sempre più insidiosi "nemici" della fede. 
Perché non sempre il dialogo può essere davvero la soluzione più efficace.
E poi Salvini poteva essere tranquillamente ignorato: si sarebbe evitato così di dare eccessivo risalto ad un gesto che, tutto sommato, sarebbe rimasto relegato nell'orbita  delle tradizionali "salvinate". 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]