Da Orban un pugno allo stomaco della Ue: "La chiusura dei confini è giusta"

21 febbraio 2016 ore 11:16, Adriano Scianca
Da Orban un pugno allo stomaco della Ue: 'La chiusura dei confini è giusta'
Lo stanno facendo tutti, ma alla chetichella e in mezzo a mille contraddizioni. Lui no. Viktor Orban rivendica non solo i controlli alle frontiere, ma anche il principio: “La chiusura dei confini è giusta”, dice il primo ministro ungherese. Ed è un pugno nello stomaco per i dirigenti europei, che stanno tutti stralciando Schengen, ma lo fanno dopo aver proclamato per anni la santità delle porte spalancate. “Noi - dice Orban - continueremo a tenere chiusi i nostri confini con Serbia e Croazia e se necessario chiuderemo anche quello con la Romania”. Non corrisponderebbe al vero, invece, la notizia rilanciata ieri dalle agenzie secondo cui Budapest avrebbe chiuso anche i suoi tre passaggi di frontiera ferroviari con la Croazia.
 
“A Bruxelles – ha detto ancora l'esponente magiaro – è stato detto che bisogna difendere i confini esterni dell'Europa e che i migranti devono essere fermati. L'Ungheria contribuirà alla chiusura del confine sud della Macedonia e la Bulgaria. La posizione ungherese sull'emergenza dei migranti è stata sempre chiara", e consiste in tre parole chiave: "controllo, identificazione e rimpatrio. Noi siamo contro il ricollocamento e speriamo di poter scongiurare questo pericolo nelle settimane a venire nel blocco dei paesi del V4", ha detto ancora Orban. Intanto l'Ue continua a organizzare vertici, che servono sempre per rimandare le decisioni a un nuovo vertice, e così via. Ora i fari sono puntati sull'attesissimo incontro dei primi di marzo con la Turchia, quando si cercherà di accelerare di nuovo, con Ankara, il dibattito sui flussi. Ma intanto la Grecia continua a destare preoccupazioni, la Gran Bretagna ha indetto un referendum per il Brexit, Renzi litiga con l'Austria, la Germania promette sanzioni. Insomma, sembra davvero che l'Unione europea sia già morta e non se ne sia accorta.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]