In Senato arriva il "Super-canguro". Ecco che cos'è

21 gennaio 2015 ore 17:44, Adriano Scianca
stefano espositoSi torna a parlare di “canguro” in Parlamento. Anzi, stavolta di “super-canguro”. Come noto, infatti, nel gergo parlamentare il canguro è una prassi che consente di superare l'ostruzionismo votando gli emendamenti in modo da raggruppare non solo quelli uguali, ma anche quelli di contenuto analogo: una volta approvato o bocciato il primo, decadono tutti gli altri. Ovviamente termine “canguro” è puro gergo, la parola non risulta in nessun regolamento. Tale escamotage si chiama così, evidentemente, perché permette di “saltare” l'ostruzionismo e di andare avanti anche quando si sarebbe ingolfati con i lavori dell'aula. Quello sull'Italicum poi, è stato definito “super-canguro” o anche “Espositum”, dal nome del senatore Pd Stefano Esposito. L'aula del Senato ha infatti approvato il suo emendamento, il numero 1.103, che, in sostanza, riscrive la legge elettorale. Così cadono di fatto 35 mila proposte di modifica delle 47 mila presentate alla legge elettorale. L'articolo è stato approvato con 175 voti favorevoli, 110 contrari e 2 astenuti.    
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]