Il primo trapianto di testa è made in Italy. Oggi la scimmia, nel 2017 l'uomo?

21 gennaio 2016 ore 20:33, Andrea Barcariol
La prova generale è andata bene, ora il prossimo obiettivo è l'uomo. Il neurochirurgo italiano Sergio Canavero ha annunciato di aver effettuato con successo il primo trapianto di testa su una scimma. Coadiuvato da un'equipe di ricercatori dell'Università di Harbin Canavero, noto per la sua ricerca su questo tipo di intervento, ha spiegato alla rivista New Scientist che "l'animale è sopravvissuto alla procedura senza nessun danno neurologico di qualsiasi tipo. Abbiamo dimostrato la validità del protocollo e alcune riviste scientifiche hanno accettato i nostri articoli in cui spieghiamo il metodo usato. Direi che abbiamo molti dati su cui basarci. E' importante che la gente smetta di pensare che sia impossibile perché è assolutamente possibile, ci stiamo lavorando".

Il primo trapianto di testa è made in Italy. Oggi la scimmia, nel 2017 l'uomo?
Il complesso intervento, realizzato nella clinica universitaria di Harbin in Cina,  non mancherà di scatenare innumerevoli dibattiti di natura etica, è stato condotto per ora su topi e scimmie. L’equipe è riuscita a collegare i vasi sanguigni ma, in questa prima fase, “non ha provato ad intervenire sul midollo spinale”, un dettaglio non di poco conto. L'animale, ha raccontato Canavero, è sopravvissuto per ben 20 ore al trattamento, ma poi è stato soppresso per evitare "inutili sofferenze". Il neurochirurgo ora cerca fondi e ha lanciato un appello a tutti i miliardari russi, nonché al fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, invitandoli ad "investire fondi per rendere possibile il primo trapianto di testa nella storia del pianeta", secondo alcuni definibile anche trapianto di corpo.
Il primo trapianto di testa è made in Italy. Oggi la scimmia, nel 2017 l'uomo?
Per il primo esperimento sull’uomo c’è già un volontario, un russo che risponde al nome di Valery Spiridonov
, ma ci vorrano ancora due anni prima della sperimentazione sull'uomo
. A sostenere il lavoro del "dottor Frankenstein" Canavero sono quasi duemila persone, riunite nella pagina Facebook "Dr. Sergio Canavero Fans", ma tanti sono molto critici su questo tipo di intervento.






caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]