Tale padre, tale figlio? Non per Mihajlovic e Del Vecchio nella Lazio e nella Roma

21 luglio 2015, Americo Mascarucci
Tale padre, tale figlio? Non per Mihajlovic e Del Vecchio nella Lazio e nella Roma
Tale padre, tale figlio? Anzi tali figli? Nel mondo del calcio non sempre accade così. Prendete Sinisa Mihajlovic che ha due figli, Miroslav e Dusan, entrambi hanno scelto di seguire le orme paterne. Sinisa, si è da poco “accasato” al Milan mentre i suoi due figli hanno intrapreso strade del tutto differenti.

Miroslav ala destra classe 2000 e fino all’anno scorso nelle file degli Allievi regionali della Lazio, è stato messo in lista di svincolo dai biancocelesti che sembrano decisi a non puntare più su di lui. Evidentemente essere figlio di …..in questo caso ha davvero contato poco o nulla sulla forza dei risultati e sulle effettive capacità di gioco. Insomma, è vero che Sinisa ha giocato a Formello per sei stagioni ed ha svolto un ruolo fondamentale nella conquista dello scudetto del 2000, ma il suo nome, il suo prestigio e le sue indiscutibili capacità dimostrate sui campi da gioco, evidentemente non sono state riscontrate sul suo primogenito proprio da chi al vecchio leone deve parecchio. Dusan invece, che ha due anni in meno del fratello, continuerà a giocare con la Lazio da terzino. 

Una sorte che accomuna però Mihajlovic ad un’altra gloria del calcio italiano, Marco Delvecchio. Il figlio Nicolas, classe 1998, sarebbe stato infatti salutato dalla Roma dopo aver trascorso l’ultima stagione nella Primavera giallorossa.

Insomma, tutti sulle orme dei padri, ma fino ad un certo punto. 

Non sarà che a pesare in certi casi possa essere proprio il paragone costante e continuo fra il genitore campione e il figlio, o i figli, che tentano di seguirne le orme? 


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]