Il pianeta scotta: giugno il mese più rovente della storia

21 luglio 2015, intelligo
Il pianeta scotta: giugno il mese più rovente della storia
Giugno mese più caldo non solo dell’anno, ma nella storia della terra. A dirlo sono tre tra le più autorevoli organizzazioni mondiali specializzate nello studio del clima: Japan Meteorological Agency, Nasa e la National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa). Tre ‘mostri sacri’ insomma della climatologia e tutti concordi nel sostenere la stessa tesi.

Proprio nel mese di giugno gli studiosi hanno verificato che la temperatura media rilevata sulla terra e sulla superficie degli oceani è risultata la più alta negli ultimi 136 anni: oltre 0,88 gradi Celsius sopra la media di 15,5 gradi rilevata nel corso dell’ultimo secolo. Dal report dei tre organismi internazionali, si evidenzia che la temperatura media mondiale si è attestata a 16,33 gradi, superando quella del ventesimo secolo.

Non solo: in Spagna e Austria, le temperature hanno raggiunto un + 1,4 gradi rispetto alla media del periodo di riferimento compreso tra 1981 e il 2010. In controtendenza la Scandinavia, la cui performance la pone tra i punti (pochi per la verità) più freddi sulla terra con temperature tra 1 e 2 gradi inferiori alla media degli ultimi decenni.

Ancora: nei primi sei mesi dell’anno la colonnina di mercurio ha indicato una media mondiale di 14,35 gradi, 0,85 in più rispetto al secolo scorso. E se il 2010 è stato l’anno de “El Nino”, ovvero il fenomeno climatico che ha surriscaldato le correnti del Pacifico centro-occidentale, secondo i climatologi quest’anno il fenomeno si intensificherà.

Le previsioni per il 2015? Jessica Blunden del Noaa non ha molti dubbi: “E’ quasi impossibile che il 2015 non sarà l’anno più caldo mai registrato”. Mandando in soffitta il record segnato nel 2014.

Seguici su Facebook e Twitter


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]