Marino scende in piazza contro i profughi in arrivo

21 maggio 2015, intelligo
Tensione a Marino con circa duecento residenti in strada, nella zona di via Colizza, in pieno centro, per l'arrivo disposto dal prefetto di Roma di 78 immigrati. Due palazzine della zona vengono presidiate da ieri sera da decine di persone, famiglie con bambini al seguito, per evitare l'arrivo dei profughi, che alloggeranno in alcuni appartamenti in gestione ad una cooperativa sociale.

Marino scende in piazza contro i profughi in arrivo
"L’umanità che non mancherà, come non è mai mancata da Marino e dai marinesi, verso persone sfortunate, in fuga da orribili guerre, non può farci mettere in secondo piano i cittadini residenti a Marino e le problematiche già vive sul territorio, così come chi ha dato la propria disponibilità ad ospitare circa ottanta profughi dovrà chiarire tutti i contorni della vicenda su cui non possiamo e non vogliamo in alcun modo restare fermi ma prendere posizioni chiare nel rispetto di tutti". Così Fabrizio De Santis, vicesindaco di Marino, nel commentare l'arrivo di 78 richiedenti asilo nel proprio comune. "Fino ai primi di questo mese non avevamo notizia di arrivi in città - ha confessato De Santis - e la situazione è cambiata pochi giorni fa quando una comunicazione del prefetto ufficializzava invece l’arrivo di queste 78 persone. 

"Nelle prossime ore è atteso l’arrivo a Marino di 78 richiedenti asilo, da ospitare in due immobili in località Paolina in una zona destinata all’edilizia popolare residenziale. L’assegnazione dei profughi è avvenuta tramite bando del Ministero degli Interni, al quale ha risposto la cooperativa che aveva precedentemente affittato gli immobili dalla società proprietaria delle palazzine. Ora mi domando: perché l’amministrazione comunale e la cittadinanza sono venuti a conoscenza di questa vicenda all’ultimo minuto e senza opportuno preavviso? Siamo di fronte al solito copione con certe decisioni amministrative illogicamente calate dall’alto, senza un confronto con i territori. Esattamente la procedura, seguita dal Prefetto che, invece di barricarsi dietro un bando e una letterina informativa, avrebbe dovuto concertare, o quanto meno informare per tempo, l’arrivo degli immigrati con comunità e istituzione comunale. Adesso, a frittata fatta, è necessario che Gabrielli faccia chiarezza sui contorni della vicenda. Nel frattempo ci tengo ad esprimere la mia solidarietà ai residenti di Marino, sicuro che l’amministrazione comunale si adopererà col massimo impegno per tutelare i cittadini della nostra città". 

Così in una nota il consigliere regionale FI ed ex sindaco di Marino, Adriano Palozzi che recepisce la protesta di numerosi cittadini del comune laziale alle porte di Roma. 



autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]