Dossier sul congedo di maternità: il Parlamento Europeo insiste

21 maggio 2015, intelligo
Dossier sul congedo di maternità: il Parlamento Europeo insiste
Il Parlamento europeo chiede alla Commissione di riprendere in mano il dossier sul congedo di maternità. L’assemblea di Strasburgo ha votato a larga maggioranza una risoluzione per sollecitare il ‘governo’ europeo a non ritirare la proposta di direttiva per stabilire nuove regole sul congedo di maternità. 

La questione viene da lontano e non pare di facile soluzione. Nel 2008 la Commissione presieduta da Barroso elaborò un testo – successivamente corretto dal Parlamento europeo – che prevedeva nella sua stesura definitiva di aumentare a venti settimane il tempo di congedo di maternità volontario. Ad oggi su quel testo, gli Stati membri hanno temporeggiato, al punto che il vicepresidente della Commissione, Frans Timmermans, avrebbe intenzione di ritiralo magari presentandone uno ex novo.

La risoluzione votata dal Parlamento europeo in queste ore (419 sì, 97 no e 161 astensioni) chiede all’esecutivo comunitario di superare l’impasse assumendo il ruolo di mediatore con gli Stati membri oppure di presentare un nuovo testo entro la fine dell’anno. Ma i segnali che arrivano non sono incoraggianti. 

Lo scorso luglio il sottosegretario Sandro Gozi durante il semestre di presidenza italiano aveva sottolineato l’esistenza di “forti diversità di punti di vista” sull’argomento. Quadro poi confermato anche dalla Lettonia, succeduta all’Italia alla presidenza Ue fino al prossimo mese. 

Insomma, la strada appare ancora tutta in salita.

LuBi

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]