Firenze, 45enne non vaccinata morta in ospedale: meningite C killer

21 novembre 2016 ore 14:31, Americo Mascarucci
Un'altra vittima della meningite a Firenze.
Si tratta di una donna toscana di 45 anni arrivata in condizioni gravissime al pronto soccorso del Santa Maria Nuova all’alba di oggi, lunedì 21 novembre. 
Il decesso è avvenuto alle 7. 
Immediati gli accertamenti dei medici che hanno confermato la diagnosi: sepsi da meningococco di tipo C. 
Le strutture di igiene e sanità pubblica si sono immediatamente attivate per effettuare l'indagine epidemiologica al fine di identificare i contatti stretti da sottoporre a profilassi. 
La donna era residente a Firenze e da un controllo effettuato al data base dell'Azienda sanitaria è risultato che non si era vaccinata contro il meningococco C. Sul tragico evento è intervenuta anche l'assessore regionale alla Salute Stefania Saccardi: "Purtroppo abbiamo dovuto registrare un altro decesso per meningite - ha dichiarato l'assessoree regionale alla Salute Stefania Saccardi - Abbiamo saputo che stanotte una signora di 46 è morta per sepsi da meningococco C. La signora non era vaccinata. E quindi anche per la meningite rinnovo ancora una volta il mio appello a vaccinarsi a quanti rientrano nelle categorie per le quali la vaccinazione è indicata, e gratuita. Io stessa mi sono vaccinata contro il meningococco C l'anno scorso, e voglio ricordare che il vaccino è l'unico strumento per proteggersi. Ricordo che la Regione ha prolungato la campagna straordinaria di vaccinazione contro il meningococco C fino al 31 marzo 2017". 

Firenze, 45enne non vaccinata morta in ospedale: meningite C killer
Dall’inizio del 2015 ad oggi, in Toscana sono 56 i casi di Meningite da meningococco C: 31 nel 2015, 25 nel 2016. Nel 2015, i casi di Meningite notificati sono stati complessivamente 38: 31 da meningococco C, 6 B, 1 W, 1 non noto. Nel 2016, ad oggi i casi notificati sono 34: 25 di ceppo C, 6 B, 1 W, 1 X, 1 non tipizzabile. 
Nel 2015 sono decedute 7 persone: 6 che avevano contratto il ceppo C e 1 per il ceppo B. Nel 2016 sono decedute 5 persone, tutte per il ceppo C.
Le cifre le ha fornite la Regione Toscana.
La vaccinazione è l'unico strumento per prevenire la meningite da meningococco. E non solo per il singolo, ma anche per tutti gli altri. 
Il batterio solo in alcun soggetti, e per motivi ignoti, provoca la malattia.
Con il vaccino quindi non solo si protegge  il singolo, ma si limita la circolazione del batterio e i casi di malattie nella comunità.
Ma molti purtroppo continuano a sottovalutare i rischi rinunciando a vaccinarsi.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]