Sanità, Mattarella medaglie per le "stelle". Il ricordo di Paola Labriola

21 ottobre 2016 ore 20:21, Andrea Barcariol
Medaglie d'oro e d'argento al merito della sanità pubblica sono state consegnate oggi dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, su proposta del ministro per la Salute, Beatrice Lorenzin, a professionisti della salute, esponenti del mondo accademico, associazioni ma anche semplici cittadini distintisi nell'ambito della sanità.  "Il mio pensiero è rivolto a coloro che, nel dimostrare un alto senso del dovere, un'aderenza strenua a quei principi di fondo che costituiscono l'essenza stessa della professione medica, sono pronti a sacrificarsi anteponendo la vita degli altri alla propria - ha spiegato la Lorenzin - Anche a chi, grazie alla propria attività di ricerca e di studio, contribuisce a determinare un costante progresso nel campo della medicina, permettendo la scoperta di nuove metodiche cliniche o il perfezionamento di quelle già esistenti e l'individuazione di nuovi percorsi di cura nonché una migliore qualità della vita ai pazienti".
Tra i premiati con la medaglia d'oro il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco e l'organizzazione Emergency. "Questo riconoscimento lo avevamo già annunciato lo scorso anno, durante l'emergenza Ebola - ha sottolineato il ministro - Attraverso Emergency premiamo tutti i medici e gli infermieri che hanno dedicato la loro vita per aiutare gli altri, in Paesi lontani, in una delle epidemie che più faceva paura e che ha preoccupato l'intero modo per un anno".

Sanità, Mattarella medaglie per le 'stelle'. Il ricordo di Paola Labriola
Medaglia alla memoria, la dottoressa Eleonora Cantamessa, ginecologa bergamasca uccisa da un'auto di un connazionale di un indiano al quale stava prestando soccorso, e la dottoressa Paola Labriola, psichiatra di Bari uccisa con più di cinquanta coltellate nell'esercizio della sua attività professionale da un suo paziente. "Le due medaglie d'oro alla memoria alle dottoresse uccise - spiega Lorenzin - sono state molto sentite al ministero della Salute. Siamo rimasti tutti così colpiti da come sono morte, nell'esercizio delle loro funzioni".
Premiati anche cittadini che si sono distinti come Domenico Sforza, collaboratore al Comune di Barletta, che ha contribuito alla realizzazione del progetto 'Scuole sicure' che ha portato dieci defibrillatori a diverse scuole della città prevedendo la formazione del personale scolastico. Una medaglia d'argento è stata poi consegnata anche al direttore generale dell'azienda sanitaria provinciale di Palermo, Antonino Candela, che è stato autore di varie denunce alla Procura contro attività di corruzione, con rischio della sua incolumità della persona.
Le medaglie d'argento sono state assegnate, invece a: Roberto Lala (alla memoria, presidente Ordine dei medici di Roma); Associazione italiana per i trapianti di fegato; associazione famiglie neurologia pediatriaca onlus; Luogotenente Loreto Buccola (Nas Torino); dottor Antonio Candela (dg di Palermo); dottor Guido Damiani (ostetricia ospedale Forlanini, Roma), professoressa Paola Grammatico (Società italiana genetica umana); dottor Alessandro Nisii (chirurgo maxillo facciale); dottor Andrea Niutta (oculista); dottor Enrico Santilli (diabetologo, medico Unitalsi); Brigadiere generale Nicola Sebastiani (sanità militare); Domenico Sforza (volontario) ; brigadiere capo Michele Spitaleri (carabiniere e volontario Croce Rossa); Edoardo Stoppa (conduttore televisivo, definito 'fratello degli animali'); dottor Antonio Ventre (sanità pubblica Caserta); Raimondo Villano (farmacista); Vincenzo Vinicola (reumatologo Irccs Santa Lucia, Roma).

 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]