Volare adesso diventa “eco” grazie al tabacco

22 agosto 2014 ore 12:05, Giuseppe Tetto
Stop alla emissione di anidride carbonica del trasporto aereo. Il tutto grazie a un biocarburante creato da una nuova pianta di tabacco senza nicotina. È questo l’ambizioso obiettivo che si è posta la squadra formata dalle “big” dei cieli come la Boeing, la South African Airways e l'olandese SkyNRG: “I combustibili derivati dalle fonti biologiche, come alghe e piante, potrebbero ridurre le emissioni di anidride carbonica di ben l'80% rispetto a quelli derivati dal petrolio”.
Volare adesso diventa “eco” grazie al tabacco
Il nuovo progetto si basa sulla lavorazione di Solaris, una nuova pianta di tabacco praticamente priva di nicotina. Il piano consente di dare una mano all'economia delle aree rurali senza danneggiare le coltivazioni o l'approvvigionamento idrico.  Il Sud Africa si è impegnato a ridurre le sue emissioni di CO2 del 34% entro il 2020 e del 42% entro il 2025; in questo processo "di trasformazione verde" non si è tirata indietro neanche la compagnia aerea di bandiera che ha detto di volere utilizzare nei suoi aerei, biocarburanti "fatti in casa" entro il 2017.
Volare adesso diventa “eco” grazie al tabacco
“L’utilizzo del tabacco ibrido ci consente di sfruttare le competenze dei coltivatori di tabacco in Sud Africa per sviluppare una coltivazione di biocarburante commerciabile senza incoraggiare il fumo”
, ha dichiarato Ian Cruickshank, Environmental Affairs Specialist di South African Airways Group. “Questo è l’ennesimo modo attraverso il quale SAA e Boeing stanno guidando lo sviluppo del biocarburante sostenibile, rafforzando al tempo stesso le opportunità economiche del nostro Paese”. “Crediamo fortemente nel potenziale successo del lancio di Solaris in Sud Africa per potenziare i carburanti sostenibili, che sono anche convenienti economicamente”, ha aggiunto Maarten van Dijk, Chief Technology Officer di SkyNRG.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]