Ventotene, Cacciari: "Ecco da dove ripartire. Post referendum? No a governo di coalizione"

22 agosto 2016 ore 12:01, Marco Guerra
"Dobbiamo auspicarci che Ventotene rappresenti davvero un svolta. L’Europa finora ha fallito su troppi fronti"
Più che la fiducia in Merkel, Hollande e Renzi, il filosofo Massimo Cacciari sembra nutrire soltanto speranza in vista del vertice di oggi pomeriggio sull’isola di Ventotene tra i tre principali leader del Vecchio Continente. 
Intervistato da IntelligoNews, Cacciari ribadisce che l’unico modo per rilanciare l’Ue è quello di puntare su un grande piano per lo sviluppo e il rilancio dell’economia. 

Professor Cacciari oggi Ventotene è il crocevia del futuro dell’Europa? Siamo alle prove tecniche di una nuova unione?

"Non ci resta che sperarlo.  Arrivati a questo punto dobbiamo solo auspicarci che Merkel, Hollande e Renzi vogliano davvero ripartire dallo spirito che animò Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi. Vediamo cosa uscirà da questo incontro. Di certo l’Europa dovrà cambiare rotta su tutte le sfide che l’attendono. Fino ad ora le varie cancellerie europee non sono riuscite ad offrire una risposta comune. Io non ho grandi attese, ma bisogna sperare che esca qualcosa di buono da Ventotene".

Nuova governance, immigrazione, stabilità e rilancio dell’economia. Cosa bisogna fare e quali errori non ripetere? 

"In passato è stato sbagliato quasi tutto, e lo dimostra il fatto che oggi stiamo parlando di un’Europa dei burocrati invece che di un’Europa dei popoli. La gestione dell’immigrazione è stata un disastro. E non si uscirà mai dalla crisi economica se l’unico faro della Ue resterà il patto di stabilità e il controllo dei conti pubblici. Tutti sanno che l’unico modo per rilanciare l’economia e la fiducia dei popoli nell’Europa è attraverso grandi piani di investimenti. Gli Stati Uniti avrebbero superato la crisi del 1929 senza il New Deal ? Il Giappone si sarebbe lasciato alle spalle la crisi degli anni ’90 se fosse stato attento solamente alla tenuta del bilancio statale? L’Italia e la Germania  si sarebbero risollevate dalle macerie della guerra se non avessero fatto alcune deroghe al debito e se non avessero attuato grandi piani di investimento? Ecco, oggi l’Europa non può più permettersi di essere un freno ai grandi piani di investimento per il rilancio dell’economia".

La Merkel  dunque dovrebbe  smetterla  di fare la gendarme del rigore. Secondo lei  lascerà spazio agli altri oppure l’Europa rimarrà a trazione tedesca? 

"Questa Ue nasce e resta a trazione tedesca, ma devo dire che il problema delle leadership non riguarda solo la Merkel, anche tutti gli altri leader europei hanno le loro colpe. Tuttavia non credo che si possano permettere nuovi passi falsi viste le prossime scadenze elettorali  (In Italia si voterà in autunno per il referendum e nel 2017 si terranno le elezioni politiche in Francia e Germania). Insomma c’è da sperare che questo colloquio a tre possa far partire un nuova politica comune". 

Renzi sta utilizzano l’Ue per sostenere il ‘sì’ al referendum sulle riforme costituzionali. Ha poi ribadito che comunque vada si voterà nel 2018. Se vinceranno i ‘no’ ci sarà un Renzi bis?

"Mi sembra difficile che Renzi possa sciogliere il governo per poi farsi dare un nuovo incarico dal presidente della Repubblica se perderà il referendum. E’ più facile che si formi un governo di colazione per arrivare fino alle elezioni politiche. Io sinceramente mi auguro che ciò non avvenga. Abbiamo già dato con Monti. Per carità, non serve un nuovo governo tecnico al Paese, sebbene questa riforma costituzionale sia stata scritta molto mal, difficilmente potevano fare di peggio. Tuttavia, sostengo da tempo che la sua mancata approvazione porterebbe soltanto una nuova instabilità che non ci possiamo permettere. Insomma io voterò ‘sì’ malgrado la riforma presenti molte criticità". 
Ventotene, Cacciari: 'Ecco da dove ripartire. Post referendum? No a governo di coalizione'


autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]