Califfo, è giallo: per il Pentagono non è ferito e guida l'Is

22 aprile 2015, intelligo
Califfo, è giallo: per il Pentagono non è ferito e guida l'Is
Continua il giallo. Il leader dello Stato islamico, Abu Bakr al-Baghdadi, anche detto il Califfo, sarebbe rimasto ferito gravemente in un raid aereo della coalizione condotto a marzo sull'Iraq occidentale. PAre viaggiasse su un convoglio di tre auto che si stava spostando tra i villaggi di Umm al-Rous e al-Qaraan. Ma manca la conferma.

A rivelare questa situazione erano state fonti anonime citate dal quotidiano britannico 'The Guardian'. Un diplomatico occidentale e un consigliere del governo iracheno hanno rivelato infatti che il raid è avvenuto lo scorso 18 marzo ad al-Baaj, un distretto della provincia di Ninive, vicino al confine con la Siria

Da allora al-Baghdadi non avrebbe più ripreso il controllo dell'Isis. Le ferite riportate nell'attacco si sarebbero rivelate troppo gravi al punto da metterlo in pericolo di vita. 

Ma la ripresa c'è stata, non sufficiente - scrive sempre il quotidiano britannico - a renderlo operativo.

E' a questo punto che The Guardian parla di un'eventuale riunione tra i leader dell'organizzazione per decidere il suo successore. 

Altri dettagli sono stati aggiunti da Hisham al-Hashimi, esperto di Is che collabora con il governo iracheno, secondo il quale al-Baghdadi "è stato ferito il 18 marzo ad al-Baaj, vicino al villaggio di Umm al-Rous". 

Per ora il Pentagono smentisce...
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]