Lippi a Conte: "Stage non è priorità"

22 dicembre 2014 ore 10:41, intelligo
"Le richieste del ct Conte ai club? Conosco il carattere di Antonio, è sempre stato un combattente nato da capitano della Juve. Tra le tante cose che giustamente vorrebbe quella di uno stage in più o in meno è importante, ma non è la più importante. Importanti sono le date in uno stage con un Europeo alle porte, anticipare il campionato significherebbe avere 15 giorni in più per prepararlo, c'è poi il rapporto costante tra allenatori e ct".  

Lippi a Conte: 'Stage non è priorità'

  Il tecnico della Nazionale campione del mondo in Germania, Marcello Lippi, commenta così a 'Radio Anch'io Sport' le esternazioni dell'attuale ct azzurro. Lo riporta Adnkronos. "Il problema è che chi gioca molto non può allenarsi, che gli allenatori hanno pochi giocatori italiani da dare alla Nazionale. Conte oggi ha la possibilità di scegliere sua media di giocatori italiani per rosa del 35%, quando facevo io il ct era il 60% -prosegue il direttore tecnico del Guangzhou Evergrande-. Può succedere che una squadra nell'immediata vicinanza di una gara di Champions magari possa non mandare i giocatori allo stage della nazionale, non è un problema, sono due giorni in un anno. I problemi sono altri". Sul nuovo corso iniziato dall'ex allenatore della Juventus, Lippi aggiunge: "Allena tutti e va a trovare tutte le squadre, anche quelle che alla domenica hanno in campo 11 stranieri. Il suo messaggio e la sua mentalità le vuole trasferire a tutti, lui tira fuori tutto quello che è nel suo programma di lavoro e lo trasmette sapendo che tutto non potrà esser fatto".
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]