Verdini è passato all'incasso? Tre vicepresidenze da Renzi. Speranza: "Nuova maggioranza?"

22 gennaio 2016 ore 10:58, Americo Mascarucci
Denis Verdini è passato all'incasso?Infuria la polemica tanto nel Pd che nell'opposizione per l'elezione di tre vicepresidenti appartenenti al gruppo Ala fondato dal senatore Verdini e composto da ex forzisti. 
Si tratta di Eva Longo, Pietro Langella e Giuseppe Compagnone eletti vicepresidenti, rispettivamente, delle commissioni Finanze, Bilancio e Difesa. 
Per l'opposizione, Forza Italia in particolare, è la prova provata che Ala fa parte della maggioranza. I senatori verdiniani sono stati determinanti a Palazzo Madama per approvare il Disegno di Legge sulle Riforme Costituzionali e questa non sarebbe propriamente una notizia dal momento che Verdini ha rotto con Silvio Berlusconi e creato un gruppo autonomo proprio nel momento in cui Forza Italia ha deciso di non collaborare più con il Governo sulle riforme. 
Il problema però sta nel fatto che tanto Verdini che Renzi hanno sempre tenuto a precisare che, l'appoggio del gruppo Ala alle riforme
Verdini è passato all'incasso? Tre vicepresidenze da Renzi. Speranza: 'Nuova maggioranza?'
non significava un ingresso nella maggioranza. E difatti la linea di Renzi e del Pd resta ancora quella. 
Il premier, intervenendo a Porta a Porta, precisa: "Verdini non è entrato in maggioranza. La maggioranza costituzionale è sempre più ampia di quella politica, tutte le volte che votiamo sulle riforme ci sono maggioranze un po’ diverse. Non vedo la notizia".  
Per Renzi dunque la classica tempesta in un bicchiere d'acqua.
Gli fa eco il capogruppo al Senato Luigi Zanda rispondendo al capogruppo azzurro Paolo Romani che ha denunciato come ormai Verdini e company facciano parte della maggioranza: "Paolo Romani sa bene che in Parlamento chi vota la fiducia al governo è in maggioranza, chi non la vota è all'opposizione. Romani sa anche bene che le vicepresidenze delle commissioni, per prassi, vanno in parti uguali a parlamentari di maggioranza e di opposizione. Non capisco - conclude Zanda - cosa Romani vada dicendo su fantomatiche nuove maggioranze in Senato".
Il problema però è che le accuse non arrivano soltanto dall'opposizione come del resto è logico che avvenga ma anche e soprattutto dalla minoranza Dem da sempre contraria agli inciuci con gli ex berlusconiani di Ala.
"Forse è il caso che Renzi ci dica se esiste una nuova maggioranza politica che sostiene il governo e che comprende anche Verdini. Se è così si deve aprire un dibattito pubblico e in Parlamento" attacca il deputato dem Roberto Speranza stranamente in linea con il capogruppo forzista alla Camera Renato Brunetta che ha chiesto al Premier di ufficializzare l’ingresso di Verdini in maggioranza con un passaggio al Quirinale. Speranza denuncia ancora: "Ieri il voto di Verdini & company al Senato, decisivo ai fini del raggiungimento della maggioranza assoluta. Oggi la elezione di tre vice presidenti delle commissioni al Senato appartenenti al gruppo Ala. Forse è il caso che Renzi ci dica se esiste una nuova maggioranza politica".
Insomma due indizi finiscono per fare una prova. E la polemica corre sull' Ala verdiniana. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]