Clash of Clans sposa We Chat e si trasferisce in Cina con Tencent

22 giugno 2016 ore 10:30, Micaela Del Monte
Supercell diventa per l'84,3% cinese e con essa cede anche uno dei suoi giochi più popolari, Clash of Clans. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi è arrivata la conferma: il colosso cinese di internet Tencent comprerà per 8,6 miliardi di dollari una quota dell'azienda finlandese. Tencent, tra WeChat, servizi online e giochi multiplayer, è già padrone del mercato cinese. 

Clash of Clans sposa We Chat e si trasferisce in Cina con Tencent
Tencent ha dunque rilevato la quota di maggioranza del gruppo, che era già in mano al gigante giapponese delle telecomunicazioni Softbank. Quest'ultima aveva rilevato il 51% del gruppo nel 2013 per 1,53 miliardi di dollari ed era salita al 73% l'anno scorso. L'acquisto avverrà in varie tranche e sono ancora in corso discussioni con possibili co-investitori. La società cinese aveva avviato trattative con vari finanziatori, tra cui Hillhouse Capital Group. Proprio perché l'acquisto avverrà in varie fasi, Tencent ha comunque disponibilità sufficiente per partire da sola, senza cofinanziatori.

L'operazione di Tencent, la più ricca della sua storia all'estero, imprime una decisa accelerazione alla strategia di espansione internazionale. La società con sede a Hong Kong, che con 210 milairdi di dollari di capitalizzazione contende a Alibaba la palma di leader del web cinese.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]