Passerella di Christo iper-affollata nonostante Sgarbi: riapertura stamattina - VIDEO LIVE

22 giugno 2016 ore 12:44, intelligo
di Luciana Palmacci  

Visto l'abbondante afflusso di persone, l'opera di Christo ha previsto un intervento di manutenzione straordinaria. I tecnici hanno lavorato dalle 21 di ieri. Ma come anticipato dalla cabina di regia, da poco prima delle 7 di stamattina, The Floating Piers è nuovamente percorribile anche nei due tratti che vanno da Peschiera Maraglio e Sensole all'isola di San Paolo. Ore di fila e migliaia di persone, ma per vedere The Floating Piers la passerella di Christo sul Lago d'Iseo tutto vale la pena, anche cali di pressione e colpi di calore, con la riapertura totale dell'opera infatti arriva una raccomandazione: “Attenzione al caldo”. Le temperature saranno ancora in aumento nella giornata di oggi e si consiglia ai visitatori di munirsi di cappellini, acqua ed evitare le prime ore pomeridiane per la passeggiata. Già 60 gli interventi sanitari senza ospedalizzazione e l’apertura del presidio medico avanzato predisposto a Sulzano. 
Passerella di Christo iper-affollata nonostante Sgarbi: riapertura stamattina - VIDEO LIVE

Resta il fatto che la passerella sul lago affascina, e non tanto come un'installazione né come un'opera d'arte o come un'affermazione politica, ma, semplicemente, in quanto dono, eccezionale gesto di generosità da parte di un uomo che a 82 anni non ha più nulla da provare eppure miracolosamente ha ancora così tanto da dare. 
Ma i commenti non sono mai omogenei, per qualcuno è un’idea molto suggestiva, per altri è solamente un attrattore di grandi masse, in stile Expo. “The Floating Piers di Christo è una passerella verso il nulla” ha detto è Vittorio Sgarbi, animale mediatico ma soprattutto uno dei più apprezzati critici d’arte del nostro Paese, “se non serve a connettere il lago con almeno una ventina di itinerari artistici della terraferma è solo un’operazione capitalistica, figlia della cultura americana fatta di McDonald’s e patatine”. Al contrario “la trovo un’idea molto suggestiva e adatta a questo luogo, bello e misterioso con tutte le sue pareti a strapiombo” ha commentato Giovanni Valagussa, docente di Storia dell’Arte all’Università Cattolica di Brescia. D’accordo è anche Mina Gregori, storica dell’arte: "Se può portare attenzione su un paesaggio, è positivo. Anzi, trovo che proprio il Lago d’Iseo, così grandioso, assorba benissimo l’installazione di Christo, ancor più interessante proprio perché non è durevole".

Per vederla LIVE clicca qui !!!

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]