Omt Passa grazie alla corte costituzionale tedesca. Perché salva anche la Merkel

22 giugno 2016 ore 10:52, Luca Lippi
La Corte suprema tedesca (corrisponde alla nostra Corte Costituzionale) ha giudicato compatibile con la legge nazionale l'Outright Monetary Transaction (Omt), il programma della Bce che prevede l'acquisto di titoli di debito di Stati in difficoltà, condizionato all'adesione a un piano di riforme.
La sentenza è la conseguenza di un ricorso presentato da un gruppo di politici e parlamentari euroscettici, secondo i quali il programma andrebbe oltre il mandato dell'Eurotower. 
L'Omt era stato messo in campo nel 2012, in una delle fasi piú difficili della crisi del debito nell'Eurozona, quando i rendimenti dei paesi piú vulnerabili erano saliti ben oltre i livelli di guardia. Non c'é stata finora la necessità di effettuare acquisti di titoli nell'ambito del programma Omt: il solo annuncio fu sufficiente a calmare i mercati.

Omt Passa grazie alla corte costituzionale tedesca. Perché salva anche la Merkel

Una semplice osservazione, in tempi piuttosto complicati, dove la marea dei partiti euroscettici, soprattutto in Germania, e alla vigilia del referendum britannico, ha in qualche modo offuscato la figura della Merkel sia all’interno del Paese sia nel resto dell’Unione, la sentenza “suona” come un monito per tutti i “malintenzionati” e soprattutto per ridare luce e conferma di un ruolo alla cancelliera tedesca. 
Oltretutto negli ultimi mesi il rapporto tra la Bce e la Germania è diventato sempre più teso, con critiche da parte di esponenti dell’establishment e dei media tedeschi contro la politica di bassi tassi di interesse dell’istituto, accusato di rapinare risparmiatori tedeschi.
Tornando alla sentenza, la Commissione europea la "accoglie con favore" . "Siamo contenti che nella sostanza la corte conferma la decisione della Corte di giustizia europea del 16 giugno", commenta l'esecutivo comunitario, ricordando che la settimana scorsa era giá arrivato un primo via libera al programma Omt. 
Con il pronunciamento di oggi, continua la Commissione Ue nella sua nota, è stato ribadito che "la Bce agisce all'interno del suo mandato, come previsto dai trattati".
Il si di Karlsruhe rafforza la leadership della Merkel, ma la partita va oltre lo scontro tra Bce e alcuni deputati tedeschi e i land. L'Omt é visto da molti come uno sconfinamento dei poteri di Mario Draghi che avrebbe abusato del suo potere per aiutare i Paesi mediterranei in difficoltá finanziaria. 
Tuttavia la stessa Merkel appoggió la decisione di Draghi scontrandosi con molti nel suo stesso partito. Una bocciatura dell'Omt avrebbe avuto non solo pesanti ricadute sui mercati finanziari, ma avrebbe comportato pesanti ripercussioni anche dal punto di vista politico per la Merkel.
All’interno della sentenza, si fuga ogni dubbio anche sul Qe. Da marzo 2015 la Bce, con il cosiddetto Quantitative Easing ha acquistato massicciamente sul mercato debito pubblico e privato, per rivitalizzare l’attività economica e riportare l’inflazione, prossima allo zero, verso i valori stabiliti nel mandato della banca inferiori, ma prossimi al 2%. La realizzazione di questo programma comporta acquisti di titoli per 80 miliardi di euro al mese, ed è anch’essa affidata anche alle banche centrali nazionali.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]